IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Poste e aree interne, nessun ufficio chiuderà

Poste, nessun ufficio delle aree interne abruzzesi chiuderà, né si ridurrà il servizio.

Poste, nessun ufficio delle aree interne abruzzesi chiuderà, né si ridurrà il servizio.

La rassicurazione, dopo gli allarmi dei mesi scorsi di un ridimensionamento del servizio, è giunta da Poste Italiane che nella giornata di ieri ha riunito a Roma i sindaci dei piccoli Comuni d’Italia con l’obiettivo di promuovere un dialogo diretto e permanente.

Numerosa la rappresentanza dei piccoli comuni dell’Abruzzo, con 133 sindaci che hanno risposto con la loro presenza all’invito di Poste Italiane.

d'amore, nardis, di sebastiano

Nella foto, in rappresentanza di Fagnano, San Demetrio e Villa Sant’Angelo, Francesco D’Amore, Antonio Di Bartolomeo e Domenico Nardis.

“L’incontro con i sindaci d’Italia – ha detto l’amministratore delegato di Poste Italiane, Matteo Del Fante – riafferma l’importanza strategica della presenza capillare di Poste Italiane sul territorio, con l’obiettivo di renderla ancora più efficace grazie alla collaborazione con le istituzioni e gli amministratori locali. Abbiamo pensato questa giornata – ha aggiunto rivolto alla platea – per parlare direttamente ai sindaci e condividere con loro ciò che Poste Italiane realizzerà concretamente nei piccoli Comuni, con interventi tangibili che incideranno positivamente sui servizi al cittadino e con iniziative pensate per i territori, puntando su una efficienza crescente dei nostri 12824 uffici postali e dei nostri spazi digitali, ai quali ogni giorno accedono oltre 3 milioni di persone”.

Nel corso dell’incontro con i sindaci d’Italia, l’ad di Poste Italiane Matteo Del Fante ha presentato 10 impegni per i piccoli Comuni: un programma di servizi dedicati basato sull’importanza strategica di mantenere aperti tutti gli uffici postali situati nei Comuni con meno di 5.000 abitanti.

Tra gli impegni assunti da Poste Italiane, l’installazione di nuovi sportelli ATM (Postamat), il servizio di Tesoreria in collaborazione con CDP, la fornitura di servizi presso la rete dei tabaccai e a domicilio tramite i portalettere nei 254 Comuni non serviti da un Ufficio Postale, nuovi investimenti per rafforzare la sicurezza dentro e fuori gli Uffici Postali.

E ancora: il servizio Poste WI-FI gratuito in tutti gli Uffici Postali dei piccoli Comuni, il potenziamento delle risorse degli Uffici Postali nei Comuni turistici, l’abbattimento delle barriere architettoniche negli Uffici Postali di oltre 1000 Comuni

Poste, un anno fa la mobilitazione dei sindaci contro la chiusura degli uffici nelle aree interne

L’allarme era stato lanciato nell’ottobre 2017, dopo che in un documento ufficiale del Ministero dei Trasporti e delle Telecomunicazioni si asseriva la necessità di ridimensionamento di ben 103 uffici postali in altrettanti comuni dell’aquilano, oltre che in 96 comuni della provincia di Chieti, 39 della provincia di Pescara e 36 della provincia di Teramo.

Da qui, la mobilitazione dei sindaci delle aree interne, sostenuti da Anci Abruzzo e Ancem che si appellarono a Parlamentari e al Governo affinché venisse rispettata la legge sui piccoli comuni e tutelati comuni stessi e persone che usufruiscono di tali servizi.

X