IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Bullismo ed estorsione, domiciliari per due minori

Estorsione e bullismo a scuola,ai domiciliari due minorenni residenti nelle province di Salerno e Foggia. Operazione dei Carabinieri di Castel di Sangro

Estorsione e bullismo a scuola,ai domiciliari due minorenni residenti nelle province di Salerno e Foggia.

Operazione ieri dei Carabinieri del Comando Compagnia di Castel di Sangro, su disposizione del Tribunale per i Minorenni di L’Aquila, nell’ambito del progetto Ministeriale “Scuole sicure”

Le indagini di polizia giudiziaria hanno avuto inizio nel mese di settembre, quando sono stati disposti dal Comando Provinciale Carabinieri di L’Aquila servizi mirati presso i vari Istituti scolastici della provincia, nell’ambito del progetto nazionale per la prevenzione ed il contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti e dei fenomeni di bullismo e devianza giovanile.

La costante presenza dei militari dell’Arma nei pressi degli Istituti scolastici ha rassicurato gli studenti facendo sì che alcuni di loro trovassero il coraggio di denunciare ai dirigenti scolastici ed ai carabinieri gli episodi di bullismo dei quali erano vittime.

Nel corso delle indagini, svolte dai militari con la massima discrezione, emergeva che alcuni giovani studenti venivano quotidianamente avvicinati dai due arrestati che, a mezzo di minacce e continui atteggiamenti vessatori, estorcevano loro piccole somme di denaro, affermando, al fine di intimorirli ulteriormente, che se non avessero aderito alle loro richieste e/o avessero avvisato gli insegnanti o i loro genitori, li avrebbero picchiati.

Le investigazioni, condotte nella zona di Roccaraso, permettevano di appurare anche la complicità di un terzo ragazzo maggiorenne, successivamente denunciato alla Procura della Repubblica di Sulmona.

Le misure venivano emesse dal G.I.P. del Tribunale per i Minorenni di L’Aquila, su richiesta dell’omonima Procura che valutava gravi, univoci e concordanti gli indizi di colpevolezza emersi a carico dei responsabili. Ai due giovani sono stati notificati gli atti con l’obbligo di permanere nel loro domicilio.

X