IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Enel lascia la Valle Peligna, i sindacati protestano

L'Enel abbandona la Valle Peligna, accorpando il presidio di Sulmona a quello di Avezzano. I sindacati insorgono e la CISL chiede all'azienda di ripensarci

Enel abbandona la Valle Peligna, la CISL e la FLAEI CISL denunciano

È di questi giorni la notizia che Enel, nel processo di riorganizzazione degli uffici di E-DISTRIBUZIONE (società che gestisce la rete elettrica nazionale),  ha deciso di accorpare la sede operativa di Sulmona a quella di Avezzano.

«Una ristrutturazione – denunciano Paolo Sangermano della CISL L’Aquila e  Roberto Gullo della Flaei- che graverà sui cittadini e sulle imprese di un territorio già penalizzato da una forte crisi economica ed occupazionale. Una scelta che preclude qualsiasi prospettiva di sviluppo del tessuto produttivo  perché si continuano a perdere servizi da offrire a chi vorrebbe e a chi ha scelto di investire nella Valle Peligna

“Inoltre, nella ridefinizione dei confini di competenze territoriali della regione, alcuni comuni dell’Alto Sangro (Alfedena, Ateleta, Barrea, Castel Di Sangro, Civitella Alfedena, Opi, Pescasseroli, Pescocostanzo, Rivisondoli, Roccaraso, Scontrone, Villetta Barrea) passeranno di competenza all’Unità operativa di Isernia, – segnalano i due sindacalisti -,  generando ulteriori disagi ai privati e alle attività economiche-produttive.

La scelta di Enel si ripercuoterà su tutto il territorio regionale

«Ci auguriamo che la Regione si assuma le proprie responsabilità relazionandosi con ENEL non di tagli ma di strutture organizzative adeguate per la qualità del servizio e le esigenze dei cittadini e delle aziende, ma soprattutto assuma scelte importanti per un rilancio del territorio della Valle Peligna» concludono Sangermano e Gullo.

X