IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Spazialissimo, l’aquilana N’Emy alla conquista del web

N'Emy, cantautrice aquilana classe '91, si racconta ai microfoni de Il Capoluogo. In uscita il secondo singolo, Spazialissimo

Si chiama Spazialissimo, uscirà sabato prossimo ed è il secondo singolo di N’Emy, al secolo Noemi Di Francesco, talentuosa cantante aquilana che sta conquistando il web.

Noemi Di Francesco, in arte N'Emy

Noemi Di Francesco, in arte N’Emy

Classe ’91, N’Emy ha all’attivo un primo inedito, “Controcorrente”, lanciato nell’aprile scorso: ma sono le sue esperienze, le crisi personali e le successive rinascite a fare di lei una cantautrice speciale.

Lirica e pop, due mondi apparentemente distanti ma quanto mai vicini in questi ultimi tempi, come dimostra la schiacciante vittoria di Lorenzo Licitra a XFactor 2017.

Questo è il percorso di N’Emy, che ha studiato Lirica al Conservatorio Casella dell’Aquila laureandosi, contemporaneamente, all’Accademia di Belle Arti in Grafica d’ Arte e Progettazione. Con la scuola di musica Icarus ed il maestro Diego Colaiuda, intraprende un nuovo percorso di studi – crossover – per sfruttare al meglio il bagaglio lirico mescolandolo al suo vero sogno: il pop.

Spazialissimo nasce proprio dal tentativo di raccontare in una canzone un’ emozione, una sensazione così spaziale (che dà titolo appunto al brano enfatizzato con “issimo”) che ha vissuto in un momento di cambiamento radicale della sua vita.

“Ho raccontato proprio quello che dico nel ritornello della canzone: in un giorno qualunque, le mie risposte sono arrivate” confida N’Emy a Il Capoluogo.

“Quando meno me lo aspettavo, quando ho smesso di cercare quelle risposte sono arrivate e ho capito: Spazialissimo, il cuore vuole e si sente. Spazialissimo, come se non si potesse più fermare, in questa corsa che vuole farti tremare”

Cambiare ma tenendo sempre ben salde le radici. Noemi, una vita negli scout dell’FSE AQ 1, ha scelto come location del suo secondo videoclip – con la regia di Luca Antonetti – il Parco Nazionale del Gran Sasso e la Rocca di Calascio, esplorati a bordo di una Fiat 500.

“Abbiamo scelto questi posti perché rappresentano le mie radici, sono panorami spaziali e mozzafiato e ci tengo particolarmente a mettere in mostra le bellezze di casa mia”.

n'emy noemi di francesco
n'emy noemi di francesco

Nessun produttore alle spalle (al momento): N’Emy si autoproduce e, come molti artisti contemporanei, con un sapiente uso dei social network riesce a coinvolgere pubblico e partner commerciali.

“Il mio rapporto con i social sta piano piano crescendo, sto imparando… mi aiutano molto le mie amiche che dicono che sono poco social! Ho ancora molto da imparare. Sono di vecchio stampo e amo le relazioni a tu per tu, perciò ho un po’ di difficoltà… a volte non mi sento troppo parte integrante di questa epoca social” ammette Noemi.

Dai negozi locali al concorso per descrivere una “emozione/sensazione stratosfericamente magnifica, bellissima”: Facebook veicola la comunicazione di questa giovane cantautrice ed è anche fonte di nuove idee per collaborazioni e progetti, ai quali è sempre aperta.

In bocca al lupo a N’Emy dalla redazione de Il Capoluogo!

Chi è N’Emy – Noemi Di Francesco

Noemi Di Francesco, nasce a L’Aquila il 3 aprile 1991.
Fin da piccola si appassiona al disegno, alla creatività, all’arte ma soprattutto a musica e canto.
Inizia a studiare canto all’età di 14 anni. Fin da subito partecipa a diversi concorsi canori nazionali – tra cui il “Premio Mia Martini” nel 2005 come concorrente più giovane, “Musica è” nel 2018-  e ad altri festival e contest di vario genere come “voci nuove Lucoli”, “voci nuove Chieti”, “Voci nuove per la città musicale Roccavivi”, “Gran Premio della canzone Italiana Roma”.

Nel 2010 si iscrive al Conservatorio di Musica“A. Casella” di L’ Aquila intraprendendo lo studio per il canto lirico. Contemporaneamente si iscrive anche all’Accademia di Belle Arti di L’ Aquila, laureandosi poi nel 2014 in Grafica d’ Arte e progettazione.

Nel 2015, superata una forte crisi artistica interiore, ritorna alla musica leggera, intraprendendo con il maestro Diego Colaiuda, (Scuola di Musica Icarus) un nuovo percorso di studi chiamato “crossover” per sfruttare al meglio il bagaglio lirico mescolandolo al suo vero sogno: il pop.

Da qui inizia ad auto prodursi con il nome d’ arte “N’ Emy” (nome molto significativo per lei, in quanto le ricorda le sue radici aquilane) lanciando il suo primo inedito “Controcorrente” nell’ aprile 2018 sui social.

X