IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

AFC, un sogno chiamato cinema

Abruzzo Film Commission, il cinema al servizio della promozione territoriale. Alessia Fabiani madrina d'eccezione del progetto.

È partito il «treno» dell’Abruzzo Film Commission, Abruzzo set per le produzioni cinematografiche. Alessia Fabiani madrina del progetto.

Presentato questa mattina a Palazzo dei Nobili l’Abruzzo Film Commission, il progetto per creare una struttura che a tutto campo sia in grado di promuovere i paesaggi abruzzesi come set per le produzioni cinematografiche e televisive e supportarle con la fornitura dei servizi in loco, privilegiando le maestranze e le attività locali. Con l’approvazione della legge regionale, il contenitore è stato creato: al via i tavoli per costituire una rete che si occupi della gestione delle attività. Presenti alla conferenza stampa, il consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci, promotore della legge che ha istituito la struttura e detentore della delega per la sua attuazione e il direttore regionale Francesco Di Filippo che all’interno del Servizio Beni e attività Culturali del Dipartimento Turismo, Cultura e Paesaggio della Regione Abruzzo cura il percorso di predisposizione della struttura attraverso una unità operativa apposita. Intervenuti anche Stefano Albano che ha collaborato alla realizzazione del progetto, il segretario generale dell’Istituzione sinfonica abruzzese Giorgio Paravano, e operatori e rappresentanti della mondo della cultura regionale. A moderare l’incontro Carlo Gizzi, Capo Ufficio stampa della Giunta regionale. Madrina d’eccezione, l’attrice aquilana Alessia Fabiani.

Darà un contributo sia dal punto di vista artistico che organizzativo, l’attrice aquilana Alessia Fabiani, oggi a Palazzetto dei Nobili per la presentazione dell’Abruzzo Film Commission. «Non nascondo la commozione e la gratitudine per il coinvolgimento in questo progetto che darà certamente risultati eccellenti. Sono aquilana e amo la mia terra, così ricca di cultura, arte e paesaggi meravigliosi, sono orgogliosa di contribuire a questo progetto che valorizzerà l’Abruzzo».

[fotoid=81507]

«Dal primo film del 1911, sono oltre 150 le produzioni che si sono succedute in Abruzzo, un set cinematografico naturale dalle enormi potenzialità», così Carlo Gizzi, Capo Ufficio stampa della Giunta regionale, ha introdotto gli interventi della mattinata, a cominciare da quella del consigliere Pierpaolo Pietrucci, promotore della legge che ha istituito la struttura e detentore della delega per la sua attuazione: «È il coronamento di un sogno che parte da lontano, insieme a un gruppo di giovani che si sono riuniti per stimolare misure normative e finanziarie per un nuovo Abruzzo Film Commission che contempera due esigenze: quella della crescita di carattere economico e la possibilità di promuovere il territorio attraverso le produzioni cinematografiche e televisive». Dopo l’approvazione della legge regionale, il prossimo passo sarà quello di costituire una rete con le associazioni culturali interessate attraverso un’associazione temporanea e successivamte una fondazione «per attrarre il sistema economico».

«Il progetto – ha spiegato il direttore Francesco Di Filippo – è già operativo e ci sono già tre contatti in corso con alcune produzioni. Inoltre siamo in contatto con l’Anci per creare referenti comunali a disposizione delle produzioni. In programma la preparazione di due momenti importanti: un confronto con banche, aziende e associazioni di categoria per illustrare i benefici fiscali legati alla legge per il cinema e l’attivazione di un corso per location manager».

A seguire, la presentazione di due ipotesi grafiche per il logo, proposte da Climax Studio e i contributi del Centro sperimentale di cinematografia e dell’Istituzione sinfonica abruzzese. Quest’ultima, con Giorgio Paravano, ha avanzato la proposta relativa all’effettistica sonora per il cinema come valore aggiunto al progetto. Infine, i contributi di Carla Tiboni, presidente del Premio Flaiano, Roberta Spaziani per il Teatro Stabile d’Abruzzo e Stefano Albano, in rappresentanza del gruppo di giovani che ha “sollecitato” l’intervento normativo portato avanti da Pietrucci.

X