IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Di Stefano, 200 milioni persi nella nebbia

Masterplan e i fondi "persi nel porto delle nebbie romane", Di Stefano contro D'Alfonso: "Ha danneggiato due volte l'Abruzzo".

Masterplan e fondi comunitari, Fabrizio Di Stefano all’attacco: «Il governo D’Alfonso ha beffato e danneggiato due volte l’Abruzzo sui fondi comunitari e Masterplan».

«Se oggi il governo nazionale ha utilizzato provvisoriamente per cassa 200 milioni destinati all’Abruzzo –  e che tuttavia ci verranno restituiti – ciò è dipeso dal fatto che D’Alfonso e la sua Giunta non hanno mai realmente impegnato quella somma su progetti concreti e pronti ad essere realizzati; peraltro a fronte della priorità rappresentata dalla messa in sicurezza di ponti e strade sono assolutamente d’accordo sulla necessità a questo punto di un intervento immediato a favore delle nostre popolazioni». Così Fabrizio Di Stefano in conferenza stampa, sottolineando però un’altra questione.

«La seconda beffa, anzi il danno reale – ha aggiunto Di Stefano – è quello di cui nessuno fino ad oggi ha parlato. Mi riferisco al fatto che nel 2014, per ammortizzatori economici a favore dello sviluppo di alcune regioni meridionali in uscita dall’Obiettivo 1, il Governo nazionale su spinta della Giunta Chiodi nelle sue ultime settimane di legislatura, stanziò altri 200 milionidi euro a fondo perduto per l’Abruzzo; quella somma però, che la Giunta D’Alfonso avrebbe dovuto richiedere, rivendicare e incassare da parte del Governo Renzi, non è mai stata portata nelle nostre casse, non so se per incompetenza o disinteresse. Fatto sta che tale enorme cifra da investire in Abruzzo è ancora persa nel porto delle nebbie romane e di questo qualcuno dovrà rispondere politicamente agli abruzzesi. Da parte mia posso però garantire che il nuovo governo dell’Abruzzo in carica dall’11 febbraio assumerà la battaglia per la restituzione di quella somma come priorità assoluta nei confronti del governo nazionale».

X