IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Concerto in memoria di Nino Carloni

Il 30 settembre, in occasione della ricorrenza della morte di Nino Carloni, si terrà all'Auditorium del Parco, alle ore 18.00 un concerto in sua memoria.

Più informazioni su

Il 30 settembre, in occasione della ricorrenza della morte di Nino Carloni, si terrà all’Auditorium del Parco, alle ore 18.00 un concerto in sua memoria.

“Carloni è stato uno dei personaggi più illustri e illuminati che ha avuto in dono la nostra città- commenta l’assessore Di Cosimo – Un avvocato con la passione per la musica, che ha saputo fondare le basi della cultura e delle istituzioni musicali aquilane più importanti, la Società Aquilana dei Concerti Barattelli, l’Istituzione Sinfonica Abruzzese, il Conservatorio “Alfredo Casella”, I Solisti Aquilani. Già in altre occasioni le istituzioni musicali si sono trovate insieme per organizzare mostre, convegni, concerti e dibattiti in memoria di Carloni, che non sono stati solo un momento di festa e di riflessione attorno a Nino Carloni, ma anche un’opportunità di confronto sul futuro culturale e musicale della città dell’Aquila. Mi auguro che iniziative come quella in programma il 30 settembre possano essere da stimolo per le giovani generazioni per riflettere sulla figura dell’avvocato Carloni, quale esempio di passione, lungimiranza ed intelligenza creativa”.

Nino Carloni nacque a L’Aquila nel 1910. Sin da adolescente manifestò interesse e passione per la musica, elementi che lo spinsero a prendere privatamente lezioni di pianoforte.

Al momento della scelta universitaria intraprese studi giuridici a Roma, dove conseguì la laurea nel 1933. Anche nella capitale continuò a prendere lezioni private di pianoforte, con Nicola Costarelli, durante tutto il periodo universitario.

Dopo la laurea tornò a L’Aquila dove iniziò la carriera forense, diventando uno dei migliori avvocati civilisti del momento. All’attività forense egli affiancò sempre, con uguale dedizione, quella di organizzatore musicale tanto da meritarsi l’appellativo di “Avvocato della musica”.

Subito dopo il suo ritorno a L’Aquila, Carloni iniziò ad organizzare concerti; nel 1945 assunse l’incarico di responsabile del settore musica del Gruppo Artisti Aquilani; nel 1946 istituì la Società Aquilana dei Concerti intitolandola a Bonaventura Barattelli, musicista aquilano, ed organizzò per la sua inaugurazione un concerto dell’Orchestra di Santa Cecilia. Fu questo solo il primo di una serie di concerti di notevole importanza, per oltre quarant’anni Carloni mantenne il ruolo di direttore artistico della Società e riuscì ad organizzare eventi storici, soprattutto prime di grandi concerti.

Nel 1967 partecipò alla nascita del Conservatorio Statale di Musica “A. Casella” a L’Aquila, come sede distaccata del Conservatorio romano di “S. Cecilia”, ottenendone l’anno dopo l’autonomia.

Nel 1968 fondò i Solisti Aquilani a partire da un gruppo di musicisti romani diretti da Vittorio Antonellini.

A Carloni si deve la nascita, nel 1970, dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese, di cui fu presidente, all’interno della quale creò un’orchestra stabile nota come Orchestra Sinfonica Abruzzese, istituita nel 1974, ed il Centro Studi Musicali a carattere didattico, istituito nel 1978, che dopo la sua morte prenderà il suo nome.

L’ultima sua creazione fu, nel 1984, l’Ensemble Barattelli (denominata in seguito Officina Musicale), dedicata all’esecuzione di musica contemporanea. Nel 1986 Nino Carloni ricevette il Premio Abbiati, uno dei principali premi in ambito musicale, come riconoscimento al suo costante impegno di organizzatore e promotore di una nuova cultura musicale.

Più informazioni su

X