IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Processo a Lioce, Tribunale presidiato

Tribunale blindato stamattina a L'Aquila per la quinta udienza contro Nadia Lioce, al 41 bis dal 2005.

Tribunale blindato stamattina a L’Aquila per la quinta udienza contro Nadia Lioce, al 41 bis dal 2005

La brigatista rossa – già condannata per gli omicidi dei giuslavoristi Massimo D’Antona e Marco Biagi e del sovrintendente di Polizia Emanuele Petri – è alla sbarra per insulti a un agente penitenziario e disturbo della quiete del carcere.

Dalle 9 di questa mattina manifestanti in presidio davanti al Tribunale aquilano: già dalle prime ore di oggi sono presenti blindati delle forze di Polizia e mezzi dei vigili urbani per regolare il traffico.

Alle 14 il presidio si sposterà al carcere Le Costarelle.

In questo processo, vengono contestate a Lioce delle battiture (effettuate due volte al giorno, con una bottiglia di plastica e della durata di mezz’ora l’una) iniziate a marzo del 2015 a seguito della sottrazione, durante le perquisizioni in cella, di materiale cartaceo, corrispondenza e atti giudiziari. Nadia Lioce concluse la sua protesta nel settembre del 2015 quando il materiale le fu parzialmente riconsegnato.

Sono passati 13 anni da quando Nadia Lioce è rinchiusa all’interno della sezione femminile del 41bis,  regime che lo scorso settembre le è stato prorogato, ancora una volta, per altri 2 anni.

Nadia Lioce per la sua protesta, rischia l’applicazione anche dell’articolo 14 bis, con ulteriore peggioramento delle sue condizioni detentive.

e.f.

X