IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Giulianova, assalto al banchetto della Lega

Indagini in corso sul raid al lido di Giulianova: un gruppo di giovani incappucciati ha rovesciato un gazebo della Lega.

Un gruppo di incappucciati nella prima serata di ieri ha assaltato un banchetto della Lega sul lungomare.

C’era solo un ragazzo disabile ieri sera, dopo le 20,30, al gazebo della Lega al lido di Giulianova, quando un gruppo di incappucciati si è scagliato contro la postazione, rovesciando la struttura e tutto il materiale. Indagini in corso.

Assalto al banchetto, la Lega punta il dito contro i centri sociali.

«Centri sociali – scrive il coordinatore regionale Giuseppe Bellachioma – assaltano gazebo della Lega a Giulianova. Vergogna! Ecco come si comportano quelli che pensano di sapere tutto e si proclamano “democratici”. Un abbraccio grande a tutti i nostri militanti che, per fortuna, stanno bene. Viva la libertà, viva la Lega e un fermo no a qualsiasi tipo di violenza».

Condanna anche da parte del deputato aquilano della Lega, Luigi D’Eramo, che scrive: «Un gruppo di violenti e vigliacchi ha assaltato il gazebo della Lega distruggendo il nostro materiale di propaganda! Spero che le forze dell’ordine acciuffino questi delinquenti e li consegnino alla giustizia! Ogni giorno la Lega si batte per la libertà di pensiero e per la democrazia e contro ogni violenza! A questi vigliacchissimi dico che mi fanno pena».

Anche il coordinatore regionale della Lega Giovani Abruzzo, Francesco De Santis, punta il contro contro gli antagonisti: «Gli antifascisti anarchici di Giulianova hanno assaltato il nostro banchetto della Lega rischiando di colpire nella loro furia comunista il nostro responsabile giovanile per la Disabilità. Fate pena, ma come la storia sta dimostrando: non siete passati e non passerete mai! Viva la libertà, viva la lega e calci nel sedere a questi sfigati violenti e disadattati».

X