IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Convento S Giuliano, Festa del Beato Vincenzo

Il giorno 01 settembre si svolgerà la Festa solenne del Beato Vincenzo dell'Aquila. In occasione dell'evento avverrà la reposizione delle spoglie del Beato nella cappella a lui dedicata all'interno della chiesa di San Giuliano.

La Comunità Francescana di San Giuliano informa che il giorno 01 settembre si svolgerà la Festa solenne del Beato Vincenzo dell’Aquila.

In occasione dell’evento avverrà la reposizione delle spoglie del Beato, oggetto di recente ricognizione, nella cappella a lui dedicata all’interno della chiesa di San Giuliano.

beato vincenzo

L’appuntamento è presso il Convento di San Giuliano alle ore 18,30: aprirà l’incontro una breve relazione del dott. Luca Ventura sulla ricognizione effettuata sul corpo del frate francescano.

Seguirà alle 18,45 la Santa Messa presieduta dal Ministro Provinciale P. Luigi Recchia e la reposizione della teca all’interno del restaurato monumento sepolcrale. La celebrazione si chiuderà con una fiaccolata con partenza dal Convento di San Giuliano e arrivo nella chiesa di San Sisto.

La cappella del Beato Vincenzo nel Convento di San Giuliano torna così completa e rinnovata.

Già lo scorso anno, infatti, era avvenuto il restauro della tavola dipinta di Saturnino Gatti raffigurante il Beato, grazie al contributo dell’Ordine degli Psicologi della Regione Abruzzo.

 

Il Beato Vincenzo dell’Aquila

 Vincenzo nacque all’Aquila nel 1430, nel rione della Rivera, in una casa posta ai piedi dell’attuale convento di Santa Chiara le cui pietre, secondo la tradizione, furono riutilizzate dai frati Minori Cappuccini per la costruzione del loro convento di San Michele, in località Campo di Fossa. Dopo la morte di San Bernardino da Siena, probabilmente tra il 1447 e il 1448, Vincenzo abbracciò la vita religiosa, abbandonando l’originario mestiere di calzolaio ed entrando nel convento Osservante di San Giuliano dove visse in preghiera e in rigida austerità.  Alla sua intercessione furono attribuiti eventi straordinari, guarigioni miracolose e predizioni profetiche. Segnato dagli stenti e dall’età, Vincenzo morì all’Aquila il 7 agosto 1504. Sepolto a San Giuliano, il suo corpo incorrotto fu subito oggetto di devozione popolare. Il suo culto fu confermato nel 1787 da papa Pio VI.

X