IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

MuNDA, Balli d’Amore Tarantella e saltarello

Mostra in collaborazione con il CATA e Università di Chieti/Pescara, curata da Lucia Arbace e Francesco Giovanni Maria Stoppa. Dal 26 luglio al 23 settembre 2018

Balli d’Amore/ Tarantella e saltarello tra colto e popolare.

Inaugurazione al MuNDA con danze, balli e degustazioni. Giovedì 26, ore 19.00

 Il Polo Museale dell’Abruzzo e il CATA, Compagnia di Tradizioni Teatine, propongono al MuNDA Balli d’Amore/ Tarantella e saltarello tra colto e popolare,  mostra dedicata ai balli della tradizione popolare. Lo spunto è stato fornito dal generoso prestito di un dipinto di Pasquale Celommi acquistato ad un asta a New York da un cultore dell’arte abruzzese.

Munda saltarello

A corredo dell’esposizione  sono proposte altre testimonianze figurative, maioliche, gioielli  tipici abruzzesi, costumi tradizionali (di Teramo e Ortona),  e ulteriori dipinti inediti, tra cui la notevole Danzatrice con il tamburello, da ascrivere a Saverio Altamura.

 Nell’ambito delle tradizioni popolari abruzzesi, la saltarella rappresenta il ballo più caratteristico del territorio, una danza di coppia, a struttura coreografica circolare, fortemente identitario,  un momento di condivisione sociale, di festa, di intrattenimento,  che permette di mettere in relazione mondi distanti rispettando le regole e il ritmo della musica.

 L’inaugurazione giovedì 26 luglio alle ore 19.00, in occasione della festa di Sant’Anna, quando echeggiavano i canti della mietitura da colle a colle, alla presenza  dei curatori Lucia Arbace e Francesco Giovanni Maria Stoppa,  sarà seguita dai  balli sull’aia, tarantella ,  salterello,  e dalle canzoni popolari  a cura   della Compagnia delle Tradizioni teatine che offrirà anche le cumberzioni e il vino.

Mostra in collaborazione con il CATA  e Università di Chieti/Pescara, curata da Lucia Arbace e Francesco Giovanni Maria Stoppa. Dal 26 luglio al 23 settembre 2018

X