IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Cotugno, studenti nei Musp e a Colle Sapone

Dopo la sentenza del Tar, la Provincia sposta gli studenti del Convitto Cotugno e intanto valuta il ricorso al Consiglio di Stato.

Dopo la sentenza del Tar, gli studenti del Convitto Cotugno saranno spostati nei Musp e nel polo scolastico di Colle Sapone.

Si è svolto presso la presidenza della Provincia un tavolo tra amministrazione e dirigenti scolatici degli istituti superiori dell’Aquila. All’incontro sono intervenuti anche i dirigenti dell’ufficio scolastico provinciale e regionale. Il presidente Angelo Caruso, insieme al consigliere delegato dell’edilizia scolastica Vincenzo Calvisi, ha esaminato congiuntamente ai dirigenti la situazione delle scuole, evidenziando i procedimenti in corso e pianificati, in relazione alle criticità aperte.

Il caso Cotugno, studenti spostati.

Per il Convitto Cotugno, alla luce della recente sentenza Tar, si provvederà per l’anno scolastico 2018/2019 a spostare tutti gli studenti nei Musp che il Comune dell’Aquila potrà mettere a disposizione e nel polo scolastico di Colle Sapone. Sull’edificio di Pettino saranno avviati i lavori a breve sui corpi F e G, ed a seguire sui corpi A,C,D E, con obiettivo di riportare la sede alla piena agibilità. Inoltre, sarà entro il corrente anno individuata l’area dove costruire la nuova scuola, di intesa con il Comune dell’Aquila, a valere sui recenti fondi stanziati pari a 13 milioni di euro. Sulla recente sentenza Tar che ha riguardato il Convitto Cotugno, la Provincia valuterà la possibilità di ricorso al Consiglio di Stato.

È stato inoltre illustrato il progetto di abbattimento e ricostruzione dell’istituto Ipsiasar, che entro il corrente anno verrà appaltato, a valere su risorse stanziate pari a 7,6 milioni di euro. Altro appalto di ricostruzione da avviare nel corso del 2018 riguarda l’edificio ex-Itas, in viale Duca degli Abruzzi, per risorse pari a 7,4 milioni di euro. Sono inoltre stati illustrati interventi sugli edifici “D’Aosta”, “Colecchi” e “Bafile” per complessivi  2 milioni di euro, per interventi di adeguamento antincendio e manutentivi.

«Sulle scuole aquilane – ha commentato il presidente Angelo Caruso – abbiamo attivato, nel nostro primo anno di amministrazione, procedimenti per 30 milioni di euro per avviare lavori che, nei prossimi anni, troveranno una soluzione definitiva per l’intera edilizia scolastica di competenza provinciale. Abbiamo trovato una situazione critica ed emergenziale per la quale, questa amministrazione, intende lavorare e invertire la tendenza dopo anni di immobilismo sul fronte edilizia scolastica nel post- sisma».

X