IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Salvini serra le fila, centrodestra unito

Il leader della Lega guarda alle regionali e richiama la coalizione all'unità, senza dimenticare buone parole per il M5S.

Bagno di folla ieri sera per il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, a Silvi per festeggiare Andrea Scordella, primo sindaco leghista d’Abruzzo.

È stata inevitabilmente una visita “da leader” quella di Matteo Salvini, accolto dallo stato maggiore leghista d’Abruzzo a Silvi, per festeggiare l’elezione di Andrea Scordella. Dal ministro dell’Interno, quello che ci si aspetta in vista delle importanti elezioni regionali: il richiamo all’unità del centrodestra, senza dimenticare una buona parola per l’alleato di governo, il Movimento 5 Stelle.

Regionali, Salvini: «Prima la squadra e il progetto, dopo il candidato».

E da leader che non vuole farsi sfuggire la vittoria alle prossime elezioni, anche il passaggio sulle regionali. Dopo le tensioni tra Forza Italia e Lega, Salvini getta acqua sul fuoco; per le regionali, infatti, Salvini punta su una  «coalizione di centrodestra unita, con le idee chiare. Poi il candidato presidente arriva alla fine. L’importante è la squadra, l’importante è il progetto: con questa squadra e con questo progetto governiamo ormai diverse regioni d’Italia, che sono tra le meglio amministrate d’Europa e quindi mi piacerebbe dare all’Abruzzo la stessa opportunità». Ma se da una parte il leader leghista richiama gli alleati (di centrodestra) all’unità, dall’altra spende anche “buone parole” per gli alleati di governo: «Non li conoscevo, ma nel M5S ho conosciuto brave persone». Non proprio una richiesta diretta di alleanza, ma quantomeno uno spunto per un accordo di non belligeranza in un eventuale ballottaggio. Anche se il punto finale lo farà il livello nazionale e non sono esclusi colpi di scena.

Salvini e l’incompatibilità di D’Alfonso.

«Contiamo di chiudere tutte le commissioni vacanti nel giro dei prossimi giorni – ha assicurato Salvini – e contiamo che gli abruzzesi possano avere un governatore a tempo pieno prima possibile». Il riferimento è all’insediamento della Giunta delle elezioni, bloccato proprio da disaccordi sulle commissioni, e precisamente Copasir e Vigilanza Rai. Da settimane, ormai, il mancato accordo impedisce alla Giunta di insediarsi e consente a D’Alfonso di continuare a fare il presidente di Regione e Senatore. La questione sembra essere arrivata allo snodo decisivo, tra l’altro con la soluzione iniziale: il Copasir al Pd e la Vigilanza Rai a Forza Italia.

salvini silvi

Salvini a Silvi: «Offriamo un’idea fondata sul diritto al lavoro, pensioni salute e sicurezza».

«Offriamo un’idea di Silvi, di Abruzzo, di Italia ai cittadini. Che apprezzano. È fondata sul diritto al lavoro, il diritto alle pensioni, il diritto alla salute, il diritto alla sicurezza e quindi sono contento personalmente di poter passare alle parole ai fatti, non solo contro l’immigrazione clandestina, ma anche nella lotta alla mafia, nella lotta alle droghe e nella lotta al commercio abusivo».

«Matteo – commenta il segretario regionale, l’onorevole Giuseppe Bellachioma – mantiene fede ancora una volta alle sue promesse. Questo dimostra due cose: che Salvini quello che dice fa e che punta tantissimo sul movimento della Lega in Abruzzo sia per quanto riguarda le prossime regionali sia per le amministrative che ci saranno il prossimo anno. Noi intendiamo impegnarci con e per il territorio: lo dimostra il lavoro che stiamo facendo sul problema della restituzione delle tasse all’Aquila. Noi della Lega, devo dire insieme con Lolli, con l’Anci, con i rappresentanti del Comune dell’Aquila, abbiamo avuto un incontro con il sottosegretario Giorgetti, cercando di trovare la soluzione più veloce e anche più congrua a questo problema. Giorgetti ha mostrato disponibilità e sensibilità e sono assolutamente certo che in tempi brevi riusciremo a imprimere una svolta a questa situazione che sta mettendo in difficoltà una città già martoriata».

«Per me è una bellissima giornata, – ha aggiunto il sindaco Scordella – siamo felicissimi e orgogliosi di aver portato il Ministro dell’Interno, nonché segretario della Lega, Matteo Salvini, qui a Silvi. È fondamentale,  perché abbiamo sposato un progetto e finalmente possiamo dire che stiamo lavorando per il bene della città. Perché l’Abruzzo merita, Silvi merita e noi vogliamo dare un forte impulso alla crescita economica e turistica di una terra che ha davvero molto da offrire».

X