IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Grandi rischi, Bertolaso assolto in Appello

Guido Bertolaso assolto dalla Corte d'Appello dell'Aquila nell'ambito del processo bis alla Commissione Grandi rischi.

La Corte d’Appello dell’Aquila conferma l’assoluzione per l’ex capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso, nell’ambito del processo bis alla Commissione grandi rischi.

Era accusato di omicidio colposo e lesioni per le false rassicurazioni sul rischio sismico l’ex capo della Protezione civile Guido Bertolaso, coinvolto nell’inchiesta bis sulla commissione Grandi rischi. «Nel filone principale, – scrive Il Messaggero – è stato condannato in via definitiva a due anni di reclusione il solo Bernardo De Bernardinis, allora vice capo della protezione civile, dopo che, in primo grado, il Tribunale dell’Aquila aveva inflitto ai sette componenti della Commissione sei anni di reclusione, poi cancellati in appello per sei dei sette, assoluzione confermata in Cassazione. Al processo di Appello del filone bis si è arrivati non per il ricorso della Procura, che non ha agito perché il caso era prescritto. A presentare appello sono state le parti civili».

Bertolaso assolto anche in Appello, le parti civili.

«L’avvocato Attilio Cecchini, legale delle parti civili insieme ad Angelo Colagrande, – prosegue Il Messaggero – in udienza aveva sostenuto, tra le altre cose, il collegamento “inscindibile tra Bertolaso e De Bernardinis. […] Per Cecchini, “Bertolaso è il primo responsabile di quella catena che ha portato a tante disgrazie il 6 aprile 2009. La sua posizione è inscindibile con quella del suo vice, De Bernardinis, condannato con sentenza irrevocabile. Il collegamento a livello apicale, tra i due, è fin troppo chiaro”. Per questo, il legale aveva chiesto “la condanna agli effetti civili”. L’avvocato di Bertolaso, Filippo Dinacci, era stato perentorio: “Qui si stanno sostituendo le prove con convincimenti logici. L’emozione non deve prevalere sulla ragione”».

X