IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Emendamenti, Pezzopane ci riprova

Decreto Terremoto, Stefania Pezzopane ripresenterà gli emendamenti sul de minimis. In tutto 18 le modifiche richieste, ma già bocciate dal Governo.

Saranno ripresentati anche alla Camera gli emendamenti al decreto Terremoto, già bocciati dal Senato.

Nonostante il Governo abbia blindato il decreto Terremoto, annunciando che sarà approvato così come uscito dal Senato, quindi senza emendamenti, la deputata PD, Stefania Pezzopane, ha confermato che ripresenterà gli stessi alla Camera: «Dalla riunione con Giorgetti finalmente sembra che il Governo stia andando nella direzione giusta, nel momento che intenderebbe agire sulla legislazione nazionale per la questione tasse sospese, ma vogliamo sentire le stesse cose che ci hanno detto in una riunione informale nell’Aula della Camera».

Emendamenti, Pezzopane: «Il legislatore nel 2011 si riferiva al de minimis a 500mila euro».

Stefania Pezzopane, nella conferenza stampa di questa mattina, convocata per presentare gli emendamenti al decreto Terremoto ha insistito sull’importanza si alzare al de minimis a 500mila euro, così come era stato previsto nel 2011. La norma, ha sottolineato la deputata PD, è stata pubblicata nel 2012 e nel 2013 è stata abbassata la soglia a 250mila euro. Tornare alla soglia originaria, quindi, potrebbe salvare dalla restituzione delle tasse sospese, praticamente la totalità delle aziende aquilane.

La questione della sospensione tasse per tutti e la mancanza di notifica all’Europa.

L’innalzamento del de minimis a 500mila euro, però, è solo parte della battaglia da portare avanti. Infatti, il problema principale è la contestazione degli “aiuti a pioggia”, ovvero a tutte le imprese aquilane, e non solo a quelle che hanno subito danni. «Il sistema – ha risposto la deputata Pezzopane al Capoluogo.it – era andato completamente in tilt con il terremoto. Tutte le aziende, direttamente o indirettamente, ne hanno risentito. Per il terremoto 2016-2017 è stato riconosciuto anche il danno indiretto, ma per quello del 2009 no, sempre per l’ormai noto difetto di notifica dello Stato italiano». Se non si risolve questo punto, quindi, anche col de minimis a 500mila euro, le imprese che non hanno subito danni diretti dovranno restituire i contributi.

In tutto sono 18 gli emendamenti che ripresenterà Stefania Pezzopane.

Oltre agli emendamenti sulla questione de minimis, comunque, la deputata Pezzopane presenterà in tutto 18 emendamenti, che vanno da quelli relativi ai terremoti del 2016-2017, per i quali è stato sollecitato un ulteriore intervento al di là della Legge di Stabilità, a quelli per la questione dei blocchi burocratici alla ricostruzione dovuti a vecchi piccoli abusi edilizi mai condonati.

X