IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Luigi D’Eramo in Commissione Ambiente Territorio

Il deputato aquilano della Lega, Luigi D’Eramo, è entrato a far parte dell’ottava commissione parlamentare Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici.

D’Eramo nella Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici: “Sulle tasse continueremo a impegnarci per alzare il De minimis”.

Il deputato aquilano della Lega, Luigi D’Eramo, è entrato a far parte dell’ottava commissione parlamentare Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici.

In merito alla questione della restituzione delle tasse non versate dopo il sisma, perché sospese, intimata dall’Europa a imprese e professionisti, D’Eramo assicura ulteriore impegno:

«L’approvazione, da parte della commissione speciale del Senato, di un emendamento che sancisce una proroga ulteriore di sessanta giorni per la consegna della documentazione da parte delle imprese, deve essere considerata come primo, parziale risultato di una battaglia che è ancora tutta da combattere.»

«L’ordine del giorno, approvato all’unanimità così come l’emendamento, che vincola il Governo a un confronto con la Commissione europea, va nella direzione di stimolare ulteriormente l’interlocuzione, ma è chiaro che il risultato finale deve essere quello di alzare il “tetto” del de minimis da 200 a 500 mila euro, così come concordato nel tavolo tecnico presieduto dal sindaco Biondi e dal vice presidente della Regione Lolli.»

«La Lega, e in particolare il sottoscritto in stretta sinergia con il senatore Paolo Arrigoni, coordinatore del partito nella Commissione per le questioni legate al sisma e promotore delle due risoluzioni, continuerà a profondere ogni sforzo necessario affinché si chiuda positivamente questa incresciosa vicenda che danneggia le imprese e mette a rischio l’intera economia del territorio. Resteremo vigili e ci impegneremo per raggiungere il risultato sperato, nel più breve tempo possibile e senza cullarci degli ulteriori due mesi a disposizione.»

X