IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Sicurezza scuole, L’Aquila non aderisce al test

L'Aquila non ha aderito al progetto regionale "Sicurezza dinamica nelle scuole d'Abruzzo" che oggi 30 maggio ha visto coinvolte oltre 40 scuole e 5000 studenti in tutto Abruzzo.

Sicurezza dinamica nelle scuole d’Abruzzo, L’Aquila non aderisce.

Nell’intento di aderire al progetto di test della “Sicurezza dinamica nelle scuole d’Abruzzo” delle strutture scolastiche promosso e coordinato da ASSAI (Associazione Scuole Sicure Abruzzo Italia) e dai diversi Comitati locali per la Sicurezza delle Scuole presenti nella Regione Abruzzo, il Comitato Scuole Sicure L’Aquila ha invitato tutte le scuole cittadine allo svolgimento contemporaneo delle prove di evacuazione.

«Un’occasione per iniziare a considerare scenari più complessi e realistici, e in generale per sensibilizzare sull’importanza della buona preparazione agli eventi calamitosi.» sottolinea il Comitato.

Importanza, secondo il Comitato, pari a quella della sicurezza strutturale degli edifici.

«La nostra città è stata colpita nove anni fa da un terremoto che ha colto tutti impreparati, in termini di sicurezza degli edifici e in termini di piano di emergenza cittadino. Se è vero che ogni scuola ha un suo piano e che la normativa prevede che sia il corpo dirigenziale e docente a farsi carico dell’evacuazione degli studenti in caso di sisma (o altra emergenza) entro i limiti delle aree di pertinenza di ciascuna struttura scolastica, è altrettanto vero che un eventuale allarme cittadino richiede interventi e azioni coordinate dagli enti preposti alla protezione civile.»

«Abbiamo più volte sollecitato la predisposizione di un piano di emergenza specifico per i poli scolastici.» proseguono i membri del Comitato Scuole Sicure L’Aquila.

«All’invito a partecipare all’iniziativa regionale, il Comune dell’Aquila ci ha riferito che un piano di emergenza dettagliato per le scuole è attualmente in elaborazione e ha prospettato la possibilità di un’esercitazione completa per il prossimo settembre.»

«Anche alcune delle dirigenze scolastiche contattate e invitate a partecipare all’iniziativa, pur condividendo la necessità di un piano specifico per le scuole, hanno preferito declinare e subordinare la loro adesione al momento in cui sarà il Comune stesso a organizzare un’esercitazione; le dirigenze dei circoli di istruzione primaria hanno preferito non rispondere affatto.»

«Ci rammarichiamo per la mancata adesione dell’Aquila al progetto regionale “Sicurezza dinamica nelle scuole d’Abruzzo” che oggi 30 maggio vedrà coinvolte oltre 40 scuole e 5000 studenti in tutto Abruzzo.»

«Questo progetto parte ora, al termine dell’anno scolastico, ma proseguirà nel tempo, nell’ottica di porre una sempre maggiore attenzione alle procedure di sicurezza nel cosiddetto “tempo di pace”. Ci auguriamo che all’inizio del prossimo anno scolastico questa iniziativa possa incontrare maggiore attenzione e disponibilità da parte di tutte le istituzioni coinvolte e che L’Aquila voglia condividere con le altre scuole della Regione la propria esperienza maturata fin dal 2009.»

«Resta però la constatazione che ad oggi un eventuale disastro ci troverebbe ancora impreparati, dal punto di vista tanto della sicurezza degli edifici scolastici, quanto di una collaudata organizzazione necessaria ad affrontare e gestire una situazione di emergenza. Il sisma del 6 aprile 2009 si è verificato in orario notturno, gli eventi del 17 gennaio 2018 in concomitanza con la chiusura delle scuole per neve; nessuno può dire, neppure gli enti comunali preposti e quelli scolastici, quale sarebbe stata la situazione e come sarebbe stata fronteggiata se le scuole fossero state aperte.»

«Noi continuiamo a chiedercelo, e a non voler continuare a confidare nel caso. Aspettiamo settembre.»

Riferimenti.

X