IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

San Demetrio, il turismo parte da Stiffe

Non ci saranno terzi a gestire una delle attrazioni turistiche più gettonate, ma sarà il comune a giocare il ruolo protagonista puntando sul rilancio turistico dell'interio territorio. Lo farà con il supporto di società che si occupano di turismo e che fanno servizi.

La concessione della Progetto Stiffe sta per scadere. Dopo 22 anni di gestione ininterrotta delle Grotte si volta pagina. “Il comune di San Demetrio sarà protagonista dello sviluppo dell’area e di tutto il territorio”. La ricetta del rilancio.

Ve lo avevamo anticipato lo scorso gennaio, ma in questi giorni, a un mese dalla scadenza della concessione, il comune di San Demetrio ha ufficializzato la gestione diretta a partire dal mese di luglio.

“Stiamo valutando una proposta che ci è arrivata della Progetto Stiffe, quindi non escludiamo una possibile collaborazione con la società, ma le redini dell’attività delle grotte saranno in mano all’amministrazione”- dichiara al Capoluogo il sindaco di San Demetrio Silvano Cappelli.

“Il dato oggettivo è che ci stiamo attivando per la gestione diretta in ogni caso, dobbiamo riacquisire il bene, faremo delle valutazioni tra quello che era il bene venti anni anni fa e ora. La gestione privata è legata ad altre logiche, il comune invece deve occuparsi di salvaguardare il bene dal punto di vista naturalisticio e ambientale e metterlo a disposizione del territorio”.

Non ci saranno terzi a gestire una delle attrazioni turistiche più gettonate, ma sarà appunto il comune a giocare il ruolo protagonista puntando sul rilancio turistico dell’interio territorio.

Lo farà con il supporto di società che si occupano di turismo e che fanno servizi. 

Giocherà in attacco la Dmc Abruzzo Qualità (Destination management company, ovvero Compagnia di destinazione) per promuovere le grotte e tutto ciò che le circonda.
“Si creerà un unicum tra grotte, lago Sinizzo, Gran Sasso, Altopiano delle Rocche, L’Aquila città” – spiega al Capoluogo Andrea Ruggeri, consulente incaricato dal comune di San Demetrio per lavorare sulla promozione turistica.
“L’amministrazione punta sulle grotte che costituiscono una peculiarità del territorio. Siamo già a lavoro su un ampio progetto che presenteremo nei prossimi giorni. Obiettivo: valorizzare tutte le potenzialità rimaste inespresse e creare una vera rete tra tutti gli operatori turistici del territorio”.

In questo modo cambierà il concetto di attrattività: non più un turismo mordi e fuggi, ma durevole e stabile.

“Dalle grotte di Stiffe al lago Sinizzo, fino a Santo Stefano di Sessanio, o ancora fino a Campo Imperatore. Tantissime cose si possono fare su questo territorio con una programmazione precisa. C’è la parte naturalistica, quella storica con L’Aquila, quella enogastronomica e via dicendo. Ricostruiremo la storia per mantenere vive le tradizioni come quella del pane di San Demetrio e quelle della famiglia Cappelli. Si volta pagina valorizzando tutto ciò che è stato tenuto in disparte finora”.

 

 

X