IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sassa, scuola abbandonata al degrado foto

Prato distrutto dai lavori del Comune che non sono mai stati portati a termine, la denuncia dei rappresentanti dei genitori della scuola di Sassa.

La denuncia dei rappresentanti dei genitori della scuola materna ed elementare di Sassa: «Situazione di totale abbandono e disinteresse».

«In qualità di rappresentanti dei genitori della scuola materna ed elementare di Sassa, scuola facente parte del circolo Rodari e ubicata nel MUSP, come tante altre scuole de L’Aquila da dopo il terremoto, a Pagliare di Sassa, – si legge nella nota inviata a #dilloalcapoluogo – volevamo denunciare la situazione di totale abbandono e disinteresse verso di noi come genitori e, soprattutto, verso i nostri bimbi da parte del Comune.

Scuola abbandonata, ritardi nei lavori per il prato.

«Da tempo – proseguono i genitori – abbiamo fatto, sia noi che la Dirigente, la richiesta che venga ripristinato il prato esterno e interno, quest’ultimo usato dalle sezioni della materna come “valvola di sfogo”, quando le temperature all’interno del MUSP raggiungono livelli troppo elevati. Prato che era presente fino a Settembre dello scorso anno, ma completamente distrutto da lavori iniziati dal comune e mai portati a termine, lavori che hanno comportato, tra l’altro, anche la rimozione di alcuni alberi piantati negli anni scorsi dai genitori. Come rappresentanti abbiamo fatto notare fin da subito la situazione e c’è sempre stato garantito che il tutto sarebbe stato risolto entro Aprile/Maggio: “il prato sarà molto più bello di prima”, parola della Dirigente scolastica dopo colloquio con comune, cosa confermata anche direttamente a noi dagli uffici comunali. Pura fantascienza, oltre ad un veloce taglio di erbacce, sempre dopo vari solleciti, tra l’altro non raccolte e già ricresciute, non è stato eseguito nessun altro tipo di lavoro o benché minima preparazione del terreno per un’eventuale semina. A questo punto ci chiediamo, che senso ha iniziare dei lavori a Settembre se non vengono portati a termine e poi bisogna ricominciare tutto da capo un’altra volta? A tutti gli interpreti di questa vicenda chiediamo di assumersi le proprie responsabilità, non fare il solito gioco dello scarica barile, e di porre rimedio il prima possibile, in modo che il prossimo anno scolastico possa iniziare in un ambiente più dignitoso ed accogliente, nell’attesa che venga costruita la nuova scuola, ma questa è un’altra storia».

X