IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Illeciti ambientali, nessun addebito per Tarquini

Scarico di acque reflue urbane in difetto di autorizzazione, la Corte d'Appello dà ragione al Comune di Tornimparte.

La Corte D’Appello dell’Aquila ha annullato le ordinanze di ingiunzione emesse dalla Provincia di L’Aquila nei confronti dell’ex Sindaco Antonio Tarquini e, quale obbligato solidale, del Comune di Tornimparte accusati in materia di illeciti ambientali.

L’accusa – spiegano gli uffici comunali – riguardava lo scarico di acque reflue urbane in difetto di autorizzazione, ma la Corte D’Appello ha riconosciuto l’estraneità di Tarquini, assistito dagli avvocati  Anna Rossi e Francesco Camerini, e del Comune di Tornimparte, rappresentato dall’avvocato Raffaele Daniele, annullando l’ordinanza-ingiunzione opposta dalla Provincia dell’Aquila.

Illeciti ambientali, la sentenza.

La Corte d’Appello afferma »… se anche si volesse individuare il titolare del servizio nel soggetto cui fanno capo le relative funzioni amministrative (e non gestionali), si tratterebbe non del Comune, […] ma dell’Ente d’ambito territoriale ottimale cui i Comuni (con più di 1.000 abitanti) hanno obbligatoriamente  trasferito le proprie funzioni in materia di servizio idrico  integrato», pertanto «[…] del contestato illecito amministrativo non può rispondere il sindaco del Comune di Tornimparte (e quest’ultimo ente in via solidale), non essendo egli il soggetto tenuto alla richiesta dell’autorizzazione degli scarichi delle fognature comunali, infrastrutture idriche strumentali ad un servizio rispetto al quale il Comune stesso non aveva, quanto meno a decorrere da 2003, funzioni amministrative di carattere organizzativo (trasferite all’ente d’ambito territoriale ottimale n. 1 Aquilano), né funzioni di carattere gestorio (affidate, insieme alle competenze autorizzatorie ed alle risorse finanziarie, alla s.p.a. Gran Sasso Acqua)».

«Il pronunciamento della Corte D’Appello – si legge nella nota – rispecchia ciò in cui l’attuale Amministrazione credeva e proprio per questo motivo la Giunta Comunale, guidata dal sindaco Giacomo Carnicelli, si era costituita nel 2017 affidando l’incarico all’Avv. Raffaele Daniele. In merito ai problemi di depurazione lo scorso anno è stato inserito il progetto  nel Piano Industriale della GSA con la richiesta dell’ATO 1 alla Regione Abruzzo di anticipare i finanziamenti per la realizzazione dell’opera. Con successiva DGR n. 620 del 27 ottobre 2017, la Giunta Regionale d’Abruzzo ha precisato ed integrato l’intervento PSRA/40/A al fine di creare le condizioni per la realizzazione celere ed efficace di alcuni interventi strategici ricompresi nel Masterplan. In particolare è stato inserito l’intervento PSRA/40/A-02 “Realizzazione collettore fognario al servizio del Comune di Tornimparte” per un importo previsto di 4.940.000,00 euro, individuando nell’ERSI il soggetto attuatore; è prevista a giorni la Conferenza di Servizio propedeutica all’avvio delle procedure di affidamento dei lavori. L’ultimo pensiero va all’ex Sindaco Antonio Tarquini e alla sua famiglia ai quali la notizia darà sicuramente un piccolo sollievo in questo difficile momento di sofferenza che ci auspichiamo si risolva al più presto con i migliori auguri di pronta guarigione».

X