IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

L’Aquila, primo Consiglio comunale dei Bambini

Prima seduta ufficiale del Consiglio comunale dei Bambini a L'Aquila. "Piccoli esercizi di democrazia" promossi dal presidente del Consiglio comunale Roberto Tinari.

Eletto a L’Aquila il primo Consiglio Comunale dei Bambini. Gli studenti della scuola elementare Buccio di Ranallo di Coppito hanno dato vita alla prima seduta ufficiale.

Per volontà del presidente del Consiglio Comunale, Roberto Tinari, gli studenti della scuola elementare Buccio di Ranallo di Coppito, nell’aula consiliare Tullio De Rubeis, hanno dato vita alla prima seduta ufficiale per l’elezione dell’assise comunale dei giovani.

Primo Consiglio comunale dei Bambini: «Piccoli esercizi di democrazia».

«Piccoli esercizi di democrazia – scrivono gli uffici comunali – per gli scolari che non solo hanno eletto democraticamente presidente e consiglieri ma hanno già formalmente presentato al “Consiglio dei grandi” un documento ufficiale con una serie di richieste per migliorare ed arricchire l’attività didattica dell’istituto. Nella lettera, rivolta al sindaco e al presidente del Consiglio, i ragazzi hanno chiesto la predisposizione di un marciapiede e di strisce pedonali a ridosso della scuola, la presenza di vigili urbani negli orari di entrata ed uscita, nuovi computer e tende parasole per le aule, una lavagna lim, una palestra, anche in un tendone, la realizzazione di una pista ciclabile nel parco verde della frazione».

«È una vera palestra di educazione civica per i bambini ma anche per noi amministratori» ha detto il presidente del Consiglio Comunale dell’Aquila, Roberto Tinari. «È stata sorprendente la capacità di questi ‘piccoli consiglieri’ di discutere civilmente e ordinatamente fra loro, individuando i temi e traducendoli poi in proposte semplici ma concrete, sempre con spirito costruttivo, da presentare al ‘Consiglio dei grandi’ come lo chiamano loro».

È l’articolo 7 della Legge n. 285 del lontano 1997 a regolare l’attività dei consigli comunali dei ragazzi, strumento di promozione della cittadinanza attiva nelle giovani generazioni. I bambini sono normalmente eletti dai propri compagni di scuola e cercano di rappresentare il loro punto di vista sulla città, raccogliendo idee, critiche e proposte, portandole poi in Consiglio per discuterle insieme agli altri consiglieri. Una giornata intensa per gli studenti della Buccio di Ranallo che, dopo la seduta consiliare presieduta, hanno incontrato il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi per poi visitare la mostra “Ritratti dei Papi” allestita a Palazzo Fibbioni e la Basilica di San Bernardino.

X