IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Abolizione superticket per le fasce più deboli

Si tratta di un provvedimento a favore delle fasce più deboli per favorire l'accesso alle cure. La rimodulazione del superticket riguarderà circa il 50% della popolazione abruzzese.

Sanità, abolizione superticket per fasce più deboli.

Al fine di assicurare una maggiore equità e favorire l’accesso alle prestazioni sanitarie per le popolazioni a minore reddito, la Giunta regionale, su proposta dell’assessore alla Sanità, Silvio Paolucci, ha approvato l’abrogazione della quota fissa su ricetta per le prestazioni di specialistica ambulatoriale per la popolazione con reddito familiare inferiore o uguale ad euro 8263,31 e la riduzione ad euro 5 di detta quota fissa per la popolazione con reddito familiare superiore a euro 8263,31 e inferiore o uguale a 30mila euro.

La Giunta ha, inoltre, stabilito che tali misure si applicheranno a partire dal primo luglio prossimo e fino al 31 dicembre 2018.

Ulteriori rimodulazioni ed estensioni saranno definite a seguito dell’approvazione del Decreto del Ministro della Salute di concerto col Ministro dell’Economia e delle Finanze.

L’entrata in vigore del presente provvedimento è subordinata all’ottenimento della certificazione di equivalenza
dai Ministeri previsti dalla normativa nazionale vigente.

«È una delibera che riguarderà circa il 50% della popolazione abruzzese – ha spiegato Paolucci – poiché le modalità di calcolo del reddito famigliare tengono conto di diversi parametri come il numero di persone all’interno del nucleo famigliare e pertanto circa il 14% delle ricette vedrà azzerato il superticket mentre un altro 40% beneficerà del suo dimezzamento. Si tratta di un provvedimento a favore delle fasce più deboli per favorire l’accesso alle cure. Si è reso possibile grazie al lavoro di tenuta e poi verifica dei conti, alla conclusione del mandato commissariale avvenuta appena 18 mesi fa. Desidero ringraziare per il lavoro singergico avuto con le rappresentanze sindacali. C’è chi ritiene la democrazia rappresentativa ormai superata. Al contrario di queste forze politiche, – ha proseguito l’assessore – ritengo che il ruolo del sindacato sia fondamentale come dimostra il lavoro che stiamo portando avanti su questo tema e su altri in un tavolo di confronto che ritengo debba essere permanente. L’auspicio – ha concluso – è che la delibera di Giunta venga approvata ora dal Ministero come recita la norma nazionale.»

 

Esprime grande soddisfazione anche l’assessore alle Politiche Sociali, Marinella Sclocco, per l’intesa raggiunta tra sindacati e regioni sulla rimodulazione del superticket.

«L’abolizione del superticket una battaglia che come leu/art 1 abbiamo proposto e che ha aperto la strada all’accordo “sono contenta che i sindacati si siano fatti portavoce di questa battaglia per i cittadini abruzzesi. L’accesso alle cure, soprattutto a quelle specialistiche – spiega la Sclocco – rappresenta un diritto essenziale, un valore fondante dell’intero sistema sociale del nostro Paese. Per questo – continua l’assessore LeU art 1– sebbene quello a cui dobbiamo puntare sia l’abolizione, la rimodulazione è un primo importante passo verso questa direzione giusta. Come LeU penso che bisogna andare avanti con il patto di fine mandato, discusso con vicepresidente Lolli anche sulle altre questioni relative alle tasse, ai trasporti, al sociale e al terremoto e portarli avanti.»

X