IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

La Santa Croce denuncia il sindaco di Canistro

Nuova controversia legale tra la Santa Croce e il sindaco di Canistro. Angelo Di Paolo viene accusato di peculato e abuso d'ufficio.

«Utilizza senza autorizzazione e abusivamente per usi domestici acqua minerale della sorgente Sponga nella sua abitazione e dei suoi parenti stretti». La Santa Croce denuncia il sindaco di Canistro.

La Santa Croce ha presentato una denuncia per peculato e abuso di ufficio alla Procura della Repubblica di Avezzano nei confronti di Angelo Di Paolo, sindaco di Canistro, con l’accusa di utilizzare senza autorizzazione alcuna l’acqua minerale della sorgente Sant’Antonio Sponga, «per usi domestici nella sua abitazione, e in quella di suoi parenti stretti, per di più mediante condutture abusive che partono dalla vasca di calma di proprietà della società». Lo rende noto la società Santa Croce, che era concessionaria della sorgente di acqua minerale Sant’Antonio Sponga di Canistro prima della revoca dalla Regione nell’ambito di un serrato e lungo contenzioso ancora in corso.

«[…] La vasca di calma al centro della vicenda – spiegano dall’ufficio stampa – è collocata tra le sorgenti Sant’Antonio Sponga e lo stabilimento della Santa Croce, vasca di cui la società dell’imprenditore molisano Camillo Colella al termine di una lunga controversia giudiziaria aveva ripreso il possesso, a seguito della decisione del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Avezzano, Anna Carla Mastelli, che ha disposto l’immediata restituzione delle chiavi che erano state consegnate in affidamento momentaneo all’allora responsabile dell’Ufficio tecnico del comune di Canistro, Massimo Iafolla. In tutta risposta il Comune di Canistro ha con l’ordinanza di nuovo inibito l’ingresso ai legittimi proprietari. Ad essere collegate, evidenzia la Santa Croce, utenze che da anni sono servite da condutture che partono dalla vasca di calma e che sarebbero abusive, come è confermato dalla Regione in una comunicazione del 2016, e da successive richieste di accesso agli atti da parte della Santa Croce. In queste condutture, per di più, scorre acqua minerale, che appartiene ai beni del patrimonio indisponibile della Regione, che possono essere sfruttate ed utilizzate solo attraverso un provvedimento concessorio, di cui però non vi è traccia. I ricorsi della Santa Croce sono mirati all’annullamento da parte del Tar dei due atti ritenuti illegittimi. La denuncia penale intende ora inchiodare alle sue eventuali responsabilità il sindaco di Canistro».

La denuncia della Santa Croce.

« Nella querela – spiega la nota stampa – si sottolinea innanzitutto che “a seguito di ulteriori accertamenti, è emerso che le cosiddette Case sparse sono un nucleo di 4-5 abitazioni alimentate abusivamente dall’acqua della sorgente Sant’Antonio Sponga, tramite una derivazione abusiva della condotta di proprietà della Santa Croce, e che queste abitazioni appartengono allo stesso sindaco del Comune di Canistro Angelo Di Paolo» e alcuni famigliari. «Il sindaco si sarebbe reso dunque responsabile “di gravi illeciti penali, per aver abusato dei suoi poteri e del ruolo rivestito”, “per aver emesso, oppure omesso atti amministrativi, in evidente conflitto di interessi, e finalizzati al perseguimento di un profitto proprio”. Tra questi atti proprio l’ordinanza e la deliberazione di giunta citati, che di fatto “hanno procrastinato sine die lo sfruttamento illegittimo dell’acqua. Temendo che la riacquisita disponibilità della vasca di calma da parte della Santa Croce, potesse impedire tutto ciò”. Nella querela si contesta che “il sindaco fosse pienamente edotto di tale acclarata condizione di abusività, ma incomprensibilmente non ha adottato nessun provvedimento di verifica e controllo volto ad accertare e far cessare tale attività”. Nella denuncia si ribadisce che nell’ordinanza comunale che ha inibito a terzi l’accesso alla vasca di calma, “non sono minimamente illustrate le ragioni per le quali il sindaco abbia ritenuto di dover derogare all’ordinario riparto delle competenze, proprie del Prefetto, e non sono spiegate le ragioni di estrema urgenza che avrebbero consentito l’intervento diretto del sindaco”.»

X