IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Legalizzazione marijuana, colpo alla camorra

L'azienda-camorra e i suoi interessi in Abruzzo: delocalizzazioni, investimenti e la preoccupazione politica su eventuale liberalizzazione delle droghe leggere.

L’ultima operazione antidroga dei carabinieri conferma l’interesse della camorra per il territorio abruzzese e le “preoccupazioni politiche” per un eventuale provvedimento di legalizzazione delle droghe leggere.

Dal 2016 a ieri, 11 arresti, 12 indagati, 5,6 tonnellate di marijuana sequestrate (oltre 4 milioni di dosi) per un “valore di mercato” di circa 2 milioni di euro: questi i numeri di un filone di indagine che dura da tre anni ed è destinato a proseguire sulla provincia aquilana. Numeri emersi nella conferenza stampa di ieri che quantificano – seppur in minima parte – gli interessi delle organizzazioni criminali, specialmente la camorra, sul territorio abruzzese e in particolare nella provincia dell’Aquila. Numeri che confermano la “svolta aziendale” della criminalità che “delocalizza”, “investe” fuori dai consolidati territori, cerca terra vergine su cui attecchire e si preoccupa dell’impatto economico dell’azione legislativa del governo.

Legalizzazione droghe leggere, le preoccupazioni della camorra: «Se approvano la legge siamo rovinati».

Le indagini che hanno portato agli arresti di ieri – come da prassi – sono state portate avanti anche attraverso intercettazioni telefoniche e ambientali. Tra queste, il colonnello Antonio Servedio, comandante provinciale dei carabinieri, ieri in conferenza stampa ha sottolineato una particolare apprensione emersa dalle conversazioni. «Nelle intercettazioni – ha spiegato il comandante – si coglie una certa preoccupazione per un’eventuale approvazione di una legge per la liberalizzazione delle droghe leggere». Gli intercettati, infatti, facevano riferimento all’impatto economico che la liberalizzazione potrebbe avere sugli affari e sugli interessi delle organizzazioni criminali.

Legalizzazione delle droghe leggere, proposta di legge ferma al palo.

Al momento la preoccupazione delle organizzazioni criminali rispetto ai danni economici di una eventuale legalizzazione della marijuana e delle cosiddette droghe leggere appare puramente nominale. Una legge a riguardo, proposta dai Radicali Italiani, è infatti chiusa in qualche cassetto, ben lontana da una discussione politica a riguardo. «È evidente – commenta Giovanni Baiocchetti, aquilano del direttivo dei Radicali Italiani e già collaboratore del Capoluogo.it – che una legge in tal senso toglierebbe un grande mercato alla criminalità. Un altro beneficio sarebbe quello di un maggior controllo su quello che verrebbe venduto». La criminalità organizzata, infatti, di certo non si preoccupa di “tagliare” le droghe con sostanze che non ne aumentino la pericolosità per la salute.

«Legalizzare – aggiunge ai microfoni del Capoluogo.it Carlo Maresca, pescarese militante radicale – significa regolamentare. Regolamentare per combattere la criminalità che gravita attorno a queste attività, sottrarre profitti, sottrarre il controllo delle mafie su questo mercato. Legalizzare non induce il consumo, come confermano i dati dei paesi che hanno già intrapreso questa strada. Il proibizionismo ha fallito. I radicali, insieme ad altre associazioni, hanno raccolto firme e depositato una proposta di legge popolare in Parlamento a novembre 2016. Lo stallo sulla questione dimostra l’assenza di volontà politica ad essere efficaci nella lotta contro le mafie, ma soprattutto non guarda al paese e al mondo: 13 milioni di italiani hanno fatto uso di cannabis, 12 miliardi di euro rappresentano il mercato della cannabis, 147 tonnellate di cannabis vengono sequestrate ogni anno».

conferenza stampa operazione antidroga

Camorra, investimenti e delocalizzazioni in Abruzzo.

Oltre alle “preoccupazioni politiche”, “l’azienda-camorra” in Abruzzo cerca di “delocalizzare” e investire in quella che viene considerata terra di conquista appetibile per due ragioni principali: la prima è che – essendo terra più o meno vergine dal punto di vista delle organizzazioni criminali – non deve contendersi il territorio con guppi preesistenti. Al limite, come evidenziato nell’ultima relazione parlamentare della DIA, le organizzazioni si spartiscono “pacificamente” territori e “competenze”. La seconda ragione si basa su una presunta tranquillità anche relativamente ai controlli. Un territorio tranquillo e pacifico, per la criminalità, vuol dire anche un terrritorio parzialmente controllato: nella logica comune, infatti, laddove ci sono più turbolenze, c’è più presenza di forze dell’ordine. Nella provincia aquilana, scarsamente interessata dalla cronaca, la criminalità conta di trovare poca “resistenza” da parte dello Stato, impegnato su altri fronti. Un calcolo evidentemente sbagliato, considerate le operazioni che si susseguono con l’obiettivo dichiarato di evitare che le organizzazioni criminali attecchiscano sul territorio. «La nostra attenzione – ha assicurato il colonnello Servedio nella conferenza stampa di ieri – è sempre alta e finalizzata a stroncare questo genere di infiltrazioni». Un’attenzione che si concretizza in «attività di controllo del territorio efficaci e funzionali», come aggiunto dal tenente colonnello Cosimo Giovanni Petese, comandante del Reparto operativo.

Per quanto riguarda gli “investimenti”, le indagini dei carabinieri hanno rivelato una certa attenzione della camorra a gestire gli affari, “spendendo” sul territorio. Come spiegato dallo stesso colonnello Servedio, la donna arrestata ieri – nell’ambito della prima operazione del 2016, quando è stato arrestato il compagno – si era rivolta agli “amici nella zona del napoletano” per le spese processuali. Un altro investimento è rappresentato invece dall’affitto dei terreni da coltivare a marijuana: tutte le piantagioni tentate o sviluppate nel territorio aquilano – tra Capistrello e Scurcola Marsicana – sono state avviate su terreni di proprietà. Proprio su questo fronte potrebbero esserci sviluppi di indagine. Da verificare, infatti, il ruolo dei proprietari terrieri; il sospetto è che possano aver affittato i terreni non proprio inconsapevolmente rispetto al tentativo di “delocalizzazione” della produzione di marijuana da parte della camorra. Ma questo è un aspetto che le indagini devono ancora chiarire e non si escludono sviluppi a riguardo.

Quello che al momento risulta invece chiaro è che mentre molte aziende non credono più nell’Abruzzo e vanno a produrre altrove, “l’azienda-camorra” è in controtendenza: crede nel territorio e investe in Abruzzo. Fortunatamente, le operazioni dei carabinieri e delle forze dell’ordine in generale dimostrano che questo non basta: l’Abruzzo sarà pure considerata terra di conquista, ma non è ancora conquistata. Il compito di resistere non spetta solo alle forze dell’ordine.

X