IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Chiusura strade, adunata di protesta a L’Aquila

Dopo la raccolta firme contro la chiusura delle strade provinciali alle moto, scatta l'adunata di protesta a L'Aquila.

Motociclisti aquilani sul piede di guerra, dopo la raccolta firme scatta la protesta: adunata nel parcheggio sulla statale 80, nei pressi dell’ospedale San Salvatore.

Il Motoclub Motociclisti Aquilani chiede «rispetto per le popolazioni locali e delle libertà individuali» e indice un’adunata di protesta contro la chiusura delle strade provinciali.

La protesta dei motociclisti, sabato l’adunata.

«Nonostante la pletora di proteste di sindaci, popolazione, operatori economici, stampa di settore e una raccolta firme promossa dal nostro motoclub che, in pochissimi giorni, ha raggiunto quasi 4mila sottoscrizioni, – scrive il presidente dei Motociclisti Aquilani, Massimiliano Mari Fiamma in una nota – la Provincia continua ad ignorare le “ragioni degli altri” perseguendo quello che, a tutto il resto del mondo, appare come una clamorosa dimostrazione di incompetenza ed incapacità di amministrare. Il presenzialista Angelo Caruso nel frattempo sembra essere sparito dal radar limitandosi a ripetere, ormai da oltre 10 giorni, il suo mantra che in 15 giorni saranno riaperte le strade, come garantito nero su bianco anche al sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, ma di lavori, seppure della semplice apposizione della tanto decantata cartellonistica, non c’è nemmeno l’ombra. Al caldo del suo posto fisso e garantito anche il dirigente Francesco Bonanni non si espone a nessuna decisione lasciando che l’economia disperata delle aree interne esali l’ultimo respiro nel più totale disinteressi di questa amministrazione. Siamo ormai al paradosso istituzionale, al quale però ci siamo purtroppo abituati, per cui ad un problema non si contrappone una soluzione ma un ulteriore problema creato ad arte a cui, dopo un po’, si mette una pezza decantando i propri meriti, ma stavolta non la faremo certo passare liscia a questi prestigiatori che giocano con la cosa pubblica».

Da qui la decisione: «Sabato 12 maggio, alle ore 10 nel parcheggio della prima rotonda dell’Ospedale sulla S.S. 80 a L’Aquila, si terrà un’adunanza di protesta a cui sono invitati a partecipare tutti i motociclisti e ciclisti e tutta la popolazione, o meglio, quella parte che ha capito che le cose accadono se ci si espone e non se si resta a guardare dalla finestra. La manifestazione vuole essere solo un modo per chiedere agli esponenti politici il rispetto per le popolazioni locali e delle libertà individuali, la considerazione che meritano istanze che si dimostrano così essenziali e di assumere quella caratteristica di servizio pubblico che contraddistingue la buona politica, così lontana dalle azioni di questi protagonisti più impegnati a tutelare se stessi e le loro personali, irresponsabili scelte».

X