IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Aquilana stalker di un medico romano

Bombardamento di messaggi whatsapp e chiamate a tutte le ore, del giorno e della notte, nei confronti del professionista romano.

Giovane donna aquilana ammonita per atti persecutori contro un medico romano.

Il Questore di L’Aquila ha emesso un ammonimento nei confronti di una giovane donna, poco più che trentenne e residente in un comune di questa provincia, diffidandola dal portare avanti una serie di atti persecutori diretti ad un medico, 42enne, domiciliato a Roma.

Bombardamento di messaggi whatsapp e chiamate a tutte le ore, del giorno e della notte, nei confronti del professionista romano.

La donna, dopo una visita medica a cui si era sottoposta,  ha avviato un vero e proprio bombardamento di messaggi whatsapp e chiamate a tutte le ore, del giorno e della notte, nei confronti del professionista, costringendolo, talvolta, ad interrompere anche la sua attività lavorativa, non  lesinando altresì insulti  indirizzati alla  moglie  dell’uomo.

Il medico, esasperato dalla condotta della stalker, ha richiesto al Questore l’adozione del provvedimento di ammonimento previsto dalla legge in materia di atti persecutori,  quale strumento per arginare il fenomeno dello stalking.

In particolare, la normativa vigente prevede l’adozione dell’ammonimento per tutti quei comportamenti fastidiosi che, pur non costituendo reato o costituendo reato procedibile a querela di parte, sconvolgono la vita della vittima portandola all’esasperazione, facendola sentire indifesa ed in costante pericolo di vita, costringendola a vivere prigioniera della paura

L’atto è stato emesso all’esito di un’approfondita attività d’indagine, portata avanti dagli agenti della Divisione Anticrimine, con la quale sono stati riscontrati una serie di atti persecutori della giovane nei confronti dell’uomo.

Inoltre, sono stati emessi due divieti di ritorno per tre anni, nei comuni di Cappadocia e Tagliacozzo,  nei confronti di un uomo ed una donna, entrambi residenti a Roma, ritenuti pericolosi per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Secondo le indagini svolte dall’Arma dei Carabinieri, i due erano dediti alla commissione di furti, perpetrati nelle residenze estive/invernali ubicate nelle citate località, e di ricettazione, per la merce sottratta e venduta via internet ad ignari acquirenti.

X