IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Roio, commozione nel giorno del ricordo foto

Roio, nell'epicentro si commemorano le vittime del 6 aprile. Il giorno del ricordo a cura di Fulgenzio Ciccozzi.

Roio, nell’epicentro si commemorano le vittime del 6 aprile. Il giorno del ricordo  a cura di Fulgenzio Ciccozzi.

Roio. Ogni anno, dal 2010, a Colle Miruci, epicentro del terremoto che nove anni fa colpì la nostra comunità, gli alpini e un pugno di cittadini commemorano le vittime del 6 aprile 2009. Il cielo terso e la figura imponente e nello stesso tempo rassicurante del Gran Sasso innevato, che si staglia all’orizzonte, sono sempre lì ad accompagnare questo momento di raccoglimento. Raccoglimento che non sembra essere stato colto dalla gente e soprattutto dai più giovani. La memoria è il pane di cui si nutre una comunità e dimenticare non è un buon esercizio per costruire un solido futuro, soprattutto quello di noi aquilani. Domenica 8, la messa è stata celebrata alle ore 15,00 da don Juvence Velondranzana. Ormai da nove anni, gli incrollabili punti di riferimento di questa iniziativa sono Manlio Ciccozzi e Federico Scarsella, rispettivamente capogruppo degli alpini di Roio e di Genzano, ai quali si sono aggiunte le penne nere delle sezioni di Lucoli, Coppito e Preturo. La preghiera dell’alpino e i 309 rintocchi della campanella hanno chiuso la cerimonia. E per dirla con Bob Dylan, uno che di parole e sentimenti ci capisce, riporto un estratto di una sua famosa canzone: “ Quante volte un uomo dovrà guardare verso l’alto prima che riesca a vedere il cielo? E quante orecchie deve avere un uomo prima di poter sentire la disperazione della gente? E quante morti ci vorranno perché egli sappia che troppe persone sono morte? La risposta soffia nel vento”.

roio

X