IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Variante Sud, l’Anas ritira il progetto

Cessa la materia del contendere in sede di udienza davanti al Tribunale amministrativo regionale, relativamente al ricorso promosso dai proprietari degli immobili e da alcune onlus interessati dal progetto di Variante Sud - Lotto C - Bazzano San Gregorio.

Udienza al Tar dopo l’impugnazione del progetto di variante Sud – Lotto C – Bazzano San Gregorio: l’Anas ci ripensa.

Cessa la materia del contendere in sede di udienza davanti al Tribunale amministrativo regionale, relativamente al ricorso promosso dai proprietari degli immobili interessati dall’opera di variante sud a Onna e San Gregorio e da alcune onlus: nel corso dell’udienza – alla quale erano presenti i legali dei ricorrenti, gli avvocati Fausto Corti e Sara Cecala (co difensori assieme al collega Rosario Panebianco) – che si è tenuta mercoledì scorso, infatti, l’avvocatura di Stato, che rappresentava in giudizio l’ente stradale, ha evidenziato che l’Anas ha ritirato il progetto.

Variante Sud, soddisfatti i legali dei ricorrenti.

L’opera consideranta impattante è stata impedita grazie alla tenacia dei cittadini dei due piccoli borghi e all’impegno dei referenti delle associazioni locali rappresentate da Margerita Nardecchia (Onna Onlus), Vincenzo Angelone (Pro Loco Onna), Paolo Ferrone (Centro Anziani Onna) e Sara Cecala (San Gregorio Rinasce Onlus).

«Ci sono voluti ben otto anni e due ricorsi amministrativi – commenta in una nota l’avvocato Cecala – per mettere una pietra tombale sul progetto Variante Sud Lotto C Bazzano – San Gregorio che prevedeva viadotti, sopraelevate e svincoli sugli abitati di San Gregorio e Onna e un terrapieno nell’area a ridosso dell’Aterno, lungo tutto il percorso che investe l’agro. Abbiamo creduto, seppure all’inizio con una battaglia condotta in solitaria, nella tutela dei nostri borghi. Il progetto viario risultava illegittimo sotto numerosi profili nonché punitivo per il territorio tutto, privo, altresì, così come concepito, di  qualsivoglia pubblica utilità e di fatto lesivo di un patrimonio della collettività aquilana, il fiume Aterno la  cui area sarebbe stata, qualora l’opera fosse stata realizzata, trasformata irreversibilmente con la cancellazione definitiva della speranza di riqualificazione della zona est, tra l’altro, prospettata nel piano di ricostruzione di Onna proprio attraverso il Parco fluviale».

Messa in sicurezza della statale 17.

«Auspico dunque – aggiunge l’avvocato Cecala – che l’attuale amministrazione comunale si mostri responsabile e capace di interloquire con l’Anas al fine di prediligere immediati interventi di messa in sicurezza della s.s.17 – da me richiesti persino al Prefetto dell’Aquila e rimasti sinora inascoltati –  sfruttando le arterie già esistenti e quelle da realizzare per la risoluzione delle criticità connesse, fermo restando che assieme alle associazioni (WWF, Italia Nostra, Lega Ambiente, Archeo Club, Forum H20, ecc.) e ai molti comitati locali, nostri sostenitori, attendiamo di essere invitati ai tavoli istituzionali poiché in questi anni, come è noto, si è un attivato un serio processo di partecipazione cittadina, prezioso capitale umano e di competenze che non può essere in nessun caso disperso».

X