IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sassa, si è sciolto il CTP

Il consiglio di partecipazione territoriale di Sassa interrompe la sua attività.

«Durante la riunione del CTP tenutasi venerdì 23 Marzo vista la scarsa partecipazione dei consiglieri eletti che si protrae già da molti mesi, in aggiunta alla netta impressione che la nuova amministrazione non sappia davvero cosa farsene di questi CTP e avendo invece la intenzione di individuare delle nuove figure rappresentative del territorio da inserire nell’ambito dell’”Urban Center”, sette dei 13 membri del CTP hanno di comune accordo presentato le proprie dimissioni ponendo di fatto termine alla vita del comitato di partecipazione numero III in base all’Art . 17 del regolamento vigente».

Lo rende pubblico Rita Giusti, ex  Presidente del Consiglio Territoriale di Partecipazione n. 3 di Sassa, insieme agli altri membri Italo Galgani, Silvia Micarelli, Alessandro di Cosimo, Gianluca Nappo, Tiziana Cacciari.

«Non sappiamo dire esattamente quale sia stata la reale efficacia dei CTP, ma possiamo in coscienza dire di aver dedicato all’impegno assunto tutte le risorse a nostra disposizione».

«Nella circoscrizione di Sassa l’esperimento dell’amministrazione Cialente vede dunque giungere la sua conclusione a tre anni dalla sua nascita voluta presumibilmente in funzione delle, allora, imminenti elezioni e che poco vantaggio ha portato anche in questa’ottica».

«La partecipazione cittadina che in un primo momento gravitava intorno al nostro CTP si è magicamente dissolta in fase di campagna elettorale facendo emergere quei tentativi di strumentalizzazione che sono poi divenuti palesi sul nostro territorio» prosegue Giusti.

«Con profonda onestà possiamo affermare non solo di non sentirci più utili alla cittadinanza ma anche di non avere più il necessario sostegno di tutti coloro che tre anni fa hanno scelto di dedicare parte del loro tempo alle necessità del territorio, così stanchi dell’indifferenza e del veleno che quotidianamente i più volenterosi si trovano a fronteggiare, si è deciso, a malincuore, di porre fine a questo impegno divenuto assolutamente infruttuoso».

Rita Giusti conclude: «Pur restando a disposizione di coloro che ci hanno visto negli ultimi tre anni come punto di riferimento per la circoscrizione, ci congediamo».

 

X