IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

21 marzo, equinozio in musica a L’Aquila foto

Mercoledì 21 marzo, equinozio di primavera, viene onorato nel cartellone della Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli” con due appuntamenti musicali da non perdere.

Il 21 marzo, del resto, è anche il giorno della nascita di J. S. Bach e si celebra la Giornata Europea della Musica Antica.

Per questo il primo appuntamento alle ore 18 all’Auditorium del Parco è con l’ensemble I Bassifondi che terrà il concerto nell’ambito della ventunesima edizione della Rassegna di Musica Antica “I Concerti di Euterpe” ideata e promossa dall’Associazione Musicale Le Cantrici di Euterpe.

I Bassifondi nascono da un’idea di Simone Vallerotonda che, insieme a Stefano Todarello colascione basso e Gabriele Miracle percussioni, propone la musica per Liuto, Arciliuto, Tiorba e Chitarra con il basso continuo. In programma sarà eseguito l’ultimo lavoro discografico: “Alfabeto falso. Quando le lettere nascondono qualcosa”, che ha ricevuto la nomination agli ICMA 2018 (International Classical Music Award), tra i migliori dischi al mondo nella categoria Barocco strumentale.

Il secondo momento musicale della giornata del 21 marzo è al Ridotto del Teatro Comunale con inizio alle ore 21,30 è dedicato al pubblico del jazz, in collaborazione con l’Associazione “Fratelli d’Arte”. Si esibisce la cantante americana Lauren Henderson con il suo quartetto, considerata una delle voci più interessanti del nuovo panorama jazz.

Nata a Boston ma cresciuta musicalmente a New York, grazie alle sue radici caraibiche, riesce a fondere l’idioma del Jazz  afroamericano con le sonorità e la passionalità della musica latina, capacità che si riflette particolarmente sia nella scelta dei brani di tradizione, sia nella composizione di musiche originali. Nonostante la sua giovane età, si è esibita in alcune dei più prestigiosi jazz club americani ed europei, collabora con molti nomi della scena internazionale oltre ad aver già all’attivo grandi tour europei toccando Italia, Spagna, Germania e Russia.

Nel 2011 ha realizzato il suo primo album che porta il suo nome, nato come demo per il suo arrivo nella competitiva New York. Sul palco è con Massimo Barrella alle chitarre, Abramo Riti hammond e Santi Colomer batteria e percussioni. Il suo repertorio è
composto da standard della tradizione latina e afromericana che interpreta con il suo caratteristico timbro ipnotico ed una tecnica impeccabile, riuscendo sempre a creare la giusta atmosfera che ogni performance jazz richiede.

X