IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Comunità Montane a rischio, non ci sono soldi

Non è una novità: il territorio sta perdendo le Comunità Montane e i servizi che queste offrono alla comunità. Dall'assistenza ai disabili, a quella degli anziani fino ai servizi sociali. La Regione Abruzzo assicura solo i costi per il personale rimasto, ergo, devono pagarsi da sole i costi di gestione.

Undici comunità montane abruzzesi in difficoltà. La Regione Abruzzo assicura solo i costi per il personale rimasto.

Sono state prorogate sino al marzo 2020, ma devono pagarsi da sole i costi di gestione. “Un paradosso che lede la dignità delle persone e sta creando seri problemi alla possibilità di fare fronte alle spese vive come Imposte e tasse, corrente, acqua, telefoni e riscaldamento”, afferma il commissario della Comunità Montana Montagna di L’Aquila, con sede a Barisciano, Paolo Federico.

“A nome di tanti colleghi sindaci e commissari delle ex Comunità Montane crediamo che una gestione politica coerente avrebbe dovuto già provvedere, insieme alla proroga, anche la possibilità di pagare le spese di gestione altrimenti non si capisce come questi enti montani, già in sofferenza di liquidità, debbano fare. Inoltre, a distanza di anni e con un quadro meglio delineato è giunto il momento anche di rivedere le posizioni di alcune ex Comunità Montane che in determinati casi, gestiscono servizi strategici e importanti come quelli sociali sopperendo alle difficoltà di zone caratterizzate da tanti piccoli Comuni posti a grandi distanze tra loro”.

Il riferimento è appunto anche alla Comunità Montana di Barisciano che come altre è sede degli Ambiti Distrettuali Sociali e quindi gestori di servizi quali segretariato sociale, servizio sociale professionale, sportelli per le domande per il reddito d’inclusione attivo, assistenza agli anziani, ai disabili e tanti altri. “Motivi”, conclude Federico, “che devono spingerci ad un’attenta riflessione sul futuro di questi enti”.

X