IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Screening, per l’8 marzo fatti un regalo, anzi 3!

Si scrive screening… si legge vita!

Il regalo migliore che ci si possa fare per l’8 marzo è chiamare il Servizio screening e prevenzione della Asl Avezzano Sulmona L’Aquila e prenotare uno di questi esami.

 

ProvinciaAq

LA MAMMOGRAFIA

CHE COS’E’ LA MAMMOGRAFIA

La mammografia è un esame radiologico della mammella ed è il più efficace per diagnosticare precocemente i tumori al seno.

PERCHÉ SOTTOPORSI A QUESTO ESAME? Perché permette di individuare eventuali lesioni di piccole dimensioni, ancor prima che le si possa sentire al tatto.
A CHE ETÀ E CON QUALE FREQUENZA SI FA LA MAMMOGRAFIA? Con una lettera spedita a domicilio dalla ASL, la mammografia viene proposta ogni due anni alle donne dai 50 ai 69 anni.
LA MAMMOGRAFIA È DOLOROSA O PERICOLOSA? Poiché per eseguire bene l’esame bisogna comprimere le mammelle, alcune donne provano un certo fastidio, che però dura solo pochi attimi. La quantità di raggi X utilizzati è molto bassa grazie ad apparecchiature moderne controllate costantemente.
Quindi, i rischi ipotetici sono trascurabili e, in ogni caso, di gran lunga inferiori ai vantaggi della prevenzione.
COME E IN QUALI TEMPI VIENE COMUNICATO L’ESITO?
CHE SUCCEDE SE IL RISULTATO MOSTRA ALTERAZIONI O È DUBBIO? 
La mammografia viene valutata separatamente da due medici radiologi per garantire una maggior accuratezza nella diagnosi. Questa doppia valutazione può allungare i tempi di risposta.
Se l’esito è negativo, se cioè la mammografia non evidenzia problemi, la risposta deve comunque essere comunicata per lettera.
Se la mammografia fornisce un esito positivo o dubbio, la donna viene contattata telefonicamente per eseguire gli accertamenti diagnostici necessari e per programmare le eventuali cure, sempre a titolo completamente gratuito.
QUALI SONO I LIMITI DELLA MAMMOGRAFIA? La mammografia, come tutte le tecniche diagnostiche, ha limiti legati alla metodica stessa, per difficoltà di interpretazione delle caratteristiche del tessuto della mammella o perché la lesione è talmente piccola da non essere riconoscibile dal mammografo.
È raro (circa 1 donna ogni 1.500 che fanno la mammografia), ma è possibile che, dopo una mammografia dall’esito negativo e prima del controllo successivo, si possa sviluppare un “tumore di intervallo”.
È dunque molto importante, per ogni donna, prestare attenzione ad eventuali cambiamenti del seno nell’intervallo di tempo tra due esami mammografici e riferirli tempestivamente al proprio medico di fiducia. È anche possibile che con la mammografia si scoprano tumori molto piccoli ma a lenta crescita (circa il 10%) che, anche se non diagnosticati, non avrebbero causato problemi per la salute della donna; questo fenomeno, chiamato “sovradiagnosi”, è purtroppo inevitabile poiché non abbiamo tecniche che permettano di distinguere fin dall’inizio quali tumori progrediscono e quali no.

 

IL PAP-TEST

CHE COS’È IL PAP-TEST? Il pap-test è un esame citologico molto utile per diagnosticare precocemente il tumore e le lesioni pre-tumorali della cervice uterina.
Consiste in una delicata raccolta di cellule dal collo dell’utero con una spatola e uno spazzolino; il materiale viene “strisciato” su un vetrino e successivamente analizzato al microscopio.
PERCHÉ SOTTOPORSI A QUESTO ESAME? Il tumore del collo dell’utero si sviluppa molto lentamente e non è riconoscibile con una normale visita ginecologica. Non dà segno della sua presenza per molto tempo ma diventa pericoloso se non viene individuato e curato precocemente.
A CHE ETÀ E CON QUALE FREQUENZA SI FA IL PAP-TEST? Tutte le donne dai 25 ai 29 anni vengono invitate ad effettuare l’esame ogni tre anni con una lettera spedita a domicilio dalla ASL.
IL PAP-TEST È DOLOROSO O PERICOLOSO? Il pap-test non è doloroso e non è in alcun modo pericoloso.
COME E IN QUALI TEMPI VIENE COMUNICATO L’ESITO? Il risultato dell’esame, se negativo, viene comunicato, al massimo entro un mese, attraverso una lettera a domicilio.
CHE SUCCEDE SE IL RISULTATO MOSTRA ALTERAZIONI O È DUBBIO? Qualora l’esito dell’esame sia dubbio o evidenzi alterazioni cellulari, non necessariamente di origine tumorale, l’interessata viene contattata telefonicamente per concordare gli ulteriori accertamenti diagnostici da effettuare. Tutto il percorso di diagnosi e cura è gratuito.
QUALI SONO I LIMITI DEL PAP-TEST? In alcuni casi il pap-test non evidenzia lesioni della cervice uterina anche se presenti.
Occorre ricordare che le lesioni pre-tumorali, in una vasta percentuale di casi, non evolvono verso lesioni più avanzate e addirittura possono regredire spontaneamente.

 

IL TEST HPV

COME SI FA IL TEST PER IL PAPILLOMA VIRUS? È un esame simile al Pap-test. Il materiale prelevato però non è letto al microscopio, come nel Pap-test, ma sottoposto a un esame di laboratorio per la ricerca del virus.
Il test HPV che si fa nello screening per la prevenzione del tumore del collo dell’utero serve a identificare solo i virus HPV ad alto rischio oncogeno.
PERCHÈ SI PUÒ FARE LO SCREENING CON L’HPV TEST AL POSTO DEL PAP TEST? Lo screening con il test HPV al posto del Pap-test si può fare perché molti studi hanno dimostrato che il test HPV trova più lesioni del collo dell’utero di quelle che trova il Pap-test.
Inoltre, il test HPV trova queste lesioni più precocemente, e quindi deve essere ripetuto ogni cinque anni invece che ogni tre anni come il Pap-test.
PERCHÉ LO SCREENING CON HPV TEST E’ RACCOMANDATO DOPO I 30 – 35 ANNI? Lo screening con HPV è raccomandato dopo i 30-35 anni perché nelle donne più giovani le infezioni da HPV sono molto frequenti, ma nella maggior parte dei casi regrediscono spontaneamente.
Lo screening con HPV nelle donne sotto i 30-35 anni porta a trovare, e quindi a trattare, delle lesioni che sarebbero regredite spontaneamente
Sotto i 30-35 anni è raccomandato lo screening con il Pap-test.
COME SI FA LO SCREENING CON HPV? Se sarà invitata a fare lo screening con il test HPV, farà un prelievo sia per il test HPV sia per il Pap-test. Il Pap-test però sarà letto solo se il test HPV sarà positivo. Nello screening con HPV, infatti, il Pap-test è un esame di completamento.
NELLO SCREENING CON HPV COSA SUCCEDE SE IL TEST HPV E’ NEGATIVO? Se il test HPV sarà negativo, la paziente sarà invitata di nuovo a fare lo screening dopo 5 anni.
In questi cinque anni non sarà necessario fare un Pap-test: infatti il test HPV è il nuovo test di screening che sostituisce il Pap-test.
NELLO SCREENING CON HPV COSA SUCCEDE SE IL TEST HPV È POSITIVO? Se il test HPV sarà positivo sarà esaminato anche il  Pap-test. Se il Pap-test sarà normale, la paziente sarà invitata a fare un test HPV dopo un anno per capire se c’è ancora l’infezione.
Sappiamo infatti che una buona parte delle infezioni dopo 1 anno scompare spontaneamente.
Se invece nel Pap-test saranno trovate delle alterazioni, la paziente verrà invitata a fare una colposcopia.

I programmi di screening per la prevenzione e la diagnosi precoce dei tumori della mammella e del collo dell’utero rappresentano un elemento centrale dell’attività di prevenzione delle malattie.
Come dimostrano studi clinici e statistiche nazionali e internazionali, la diagnosi precoce di tumore o di lesione pre-tumorale, possibile proprio grazie ai controlli periodici previsti dai programmi di screening, permette di intervenire con tempestività con le cure necessarie e di ottenere quindi buone prognosi.
Gli esami di screening (pap-test ed HPV test per il collo dell’utero, mammografia per la mammella) sono proposti alle donne che si trovano nelle fasce di età in cui è più alto il rischio di ammalarsi di questi tumori. Consentono una diagnosi precoce e, grazie a questa, di intervenire tempestivamente con le cure necessarie.
Il pap-test è proposto ogni tre anni alle donne dai 25 ai 29 anni.
Il test HPV è proposto ogni 5 anni alle donne dai 30 ai 64 anni.
La mammografia è proposta ogni due anni alle donne dai 50 ai 69 anni.
Entrambi i programmi sono gratuiti, garantiscono la qualità e la continuità del percorso di diagnosi e delle eventuali cure favorendo, quando è necessario intervenire, trattamenti chirurgici conservativi.

mammografia

 0862 368 702

dal lunedì al Venerdì dalle ore 9,00 alle ore 17,00

screening@asl1abruzzo.it

 

X