IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Scritte fasciste vicino alle scuole di Collesapone foto

Alcune scritte con riferimenti fascisti sono apparse intorno ai plessi scolastici di Collesapone, a L’Aquila.

Non sono passate inosservate le scritte apparse nelle vicinanze delle scuole di Collesapone, a L’Aquila. Ad accendere i riflettori sulla vicenda, Alessandro Tettamanti, candidato alla Camera dei Deputati alle prossime elezioni per Potere al Popolo.

Scritte fasciste: «Rimuoverle subito».

«È davvero incredibile – scrive Tettamanti – che proprio intorno ai plessi scolastici di Collesapone, all’Aquila, dove ogni giorno vanno a scuola migliaia di studenti possano coesistere scritte e simboli fascisti realizzati sui muri pubblici. È questa l’educazione che vogliamo dare ai nostri figli nei luoghi scolastici, proprio laddove dovrebbero formarsi come cittadini e quindi nel rispetto della Costituzione Repubblicana antifascista che da decenni è la base del nostro vivere comune? È possibile, tanto più in questo periodo storico, in cui ci sono gruppi che si richiamano direttamente al fascismo, che l’amministrazione comunale non si accorga di quanto stia accadendo nel quartiere scolastico di Collesapone, ormai ostaggio di quattro ragazzi ideologizzati dai fascisti del terzo millennio? L’amministrazione, a meno che non voglia mostrarsi complice di questo scempio, deve impegnarsi subito per rimuovere dai muri quelle scritte e rimpiazzarle invece con murales artistici che richiamino alla Costituzione o a personaggi a essa collegati. Potere al Popolo – conclude Tettamanti – non ammette l’umiliazione della Costituzione. Denunciamo con forza questa situazione di degrado sociale, politico e culturale proprio fuori le scuole, lì dove si dovrebbe scrivere il futuro dei giovani cittadini. Noi siamo i nuovi partigiani e come allora non permetteremo il ritorno di gruppi che si richiamano espressamente al fascismo, nonostante l’attuale Governo lo abbia permesso, andando contro la Costituzione. Siamo chiamati tutte e tutti al compito di far indietreggiare i rigurgiti fascisti ogni giorno. Insieme».

X