IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Viabilità, messa in sicurezza della zona ovest

Interventi di messa in sicurezza sull’intero sistema della viabilità urbana ed extraurbana della zona ovest del territorio.

A darne notizia il vice sindaco, con delega alle Opere pubbliche, Guido Quintino Liris, che, unitamente al suo omologo del Comune di Pizzoli, Gabriella Sette, a sua volta titolare della delega ali Lavori pubblici, ha promosso e sollecitato la realizzazione degli interventi, che verranno eseguiti dall’Anas.

«I progetti – hanno dichiarato i vice sindaci Liris e Sette – sono frutto di un’attenta opera di concertazione e coordinamento tra l’Anas, nella persona dell’ingegner Antonio Marasco, il Comune dell’Aquila e quello di Pizzoli, sulla viabilità e sicurezza stradale».

Gli interventi, in analogia con quanto programmato sulla zona est, sono finalizzati all’eliminazione delle situazioni di criticità e alla riduzione del fattore di rischio in prossimità di aree di incrocio. In particolare verranno realizzate tre rotatorie lungo la strada statale 80, individuate quale soluzione più efficace per il miglioramento della viabilità e della sicurezza in prossimità di svincoli.

«La prima interesserà l’area di ingresso all’abitato di Cansatessa, la seconda l’intersezione con la strada provinciale 29 ‘Alta Valle dell’Aterno’, in località Cermone, la terza l’innesto con la strada statale 80 Dir  (viabilità di collegamento con la frazione di Preturo)».

«Si tratta di opere strategiche, da tempo attese dalla popolazione – hanno proseguito -, rese necessarie anche in considerazione della maggiore antropizzazione dell’area a seguito del sisma del 2009 e della realizzazione di nuove zone abitative, connesse in particolare alla presenza di complessi Case e villaggi Map, nonché della delocalizzazione di attività commerciali e produttive, con conseguente aumento del traffico veicolare e dei rischi per gli automobilisti. Ringraziamo l’Anas per aver accolto le nostre istanze e le nostre proposte e per essersi tempestivamente attivata per l’avvio della fase operativa, dando immediata concretezza al progetto complessivo. Gli interventi, infatti, inizieranno a breve a richiederanno circa sei mesi per il completamento».

X