IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Anatra zoppa, De Angelis si dimette

Si dimette il sindaco di Avezzano Gabriele De Angelis. È lo stesso primo cittadino ad annunciarlo nella conferenza stampa di stamattina.

“Appena svolti gli ultimi lavori formalizzerò nelle prossime ore le mie dimissioni da sindaco di Avezzano”.

Sono queste le parole di De Angelis dopo che il Consiglio di Stato ha confermato la sentenza del Tar Abruzzo che ha assegnato all’opposizione 13 seggi e alla “maggioranza” 9.

“Tradire questo documento vuol dire tradire la città di Avezzano e un sindaco scelto dai cittadini. Oggi non ho più la maggiornaza quindi sono impossibilitato a tenere un patto con la mia città. Sono stati sette mesi intensi, ho ricevuto le soddisfazioni più grandi dedicandomi ai cittadini. Sono abituato a costruire cose e non rimpiangerle. Avezzano si può amministrare solo con una maggioranza coesa e seria legata al programma di mandato”.

Si apre così una fase emergenziale in cui il comune sarà condotto a nuova gestione.

gabriele de angelis

Anatra zoppa, i prossimi scenari: condivisione sul programma per evitare il commissariamento.

Lo ha ripetuto più volte nel corso del suo intervento il sindaco De Angelis: sistemati gli adempimenti più urgenti, formalizzerà le dimissioni annunciate oggi, perché al momento non c’è sul campo una proposta “seria” per portare avanti il programma amministrativo. Le dimissioni, quindi, non saranno irrevocabili, ma ad oggi, non potendo contare su una maggioranza che porti avanti “il vangelo” del programma elettorale, appaiono l’unica strada percorribile. «Quello che conta – ha sottolineato il primo cittadino – è lavorare per portare a compimento programma per il quale siamo stati eletti, ma non ci sono le condizioni. Ho letto sui giornali delle esternazioni, ma sono delle provocazioni. Di Pangrazio dice di volermi appoggiare, a condizione che si realizzi il suo programma. È un’offesa anche alla mia intelligenza. Altro non c’è nell’agenda politica, quindi al momento le dimissioni sono l’unica strada percorribile». Ciò non toglie, però, che nel periodo che va dall’ultimazione degli adempimenti alla formalizzazione delle dimissioni, e da qui ai 20 giorni di tempo per ritirarle, le cose potrebbero cambiare. Se infatti il sindaco riuscisse a trovare un accordo sul programma elettorale presentato agli elettori, il rischio (ad oggi concreto) del commissariamento fino alle prossime elezioni si potrebbe scongiurare. Insomma, nonostante l’annuncio delle dimissioni, la storia amministrativa del sindaco De Angelis potrebbe non essere definitivamente tramontata per questa consiliatura. Ma serviranno i numeri per portare avanti il programma elettorale (e solo quel programma, non altri). I prossimi giorni saranno decisivi per capire se c’è un margine per lavorare a una nuova maggioranza. Ad oggi, secondo quanto sottolineato dal sindaco, questo margine non c’è.

Se si dovesse arrivare al commissariamento e a nuove elezioni, De Angelis non ha sciolto la riserva su una sua eventuale ricandidatura.

X