IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Anatra zoppa, domani l’udienza

Domani udienza decisiva al Consiglio di Stato che si pronuncerà sulla questione anatra zoppa di Avezzano. In bilico l’equilibrio tra maggioranza e opposizione.

È prevista per la giornata di domani l’udienza presso il Consiglio di Stato che dovrà esprimersi sulla sentenza del Tar aquilano relativa all’istanza del centrosinistra, che ha assegnato all’attuale opposizione 13 consiglieri comunali, modificando la disposizione della Commissione elettorale. Una sentenza che, salvo diverso pronunciamento del Consiglio di Stato, metterebbe il sindaco Gabriele De Angelis in sostanziale minoranza rispetto al Consiglio comunale. La sentenza realtiva all’udienza di domani probabilmente arriverà all’inizio della prossima settimana.

Anatra zoppa, De Angelis: «Il nostro Vangelo è il programma del mandato elettorale, se avremo una sentenza sfavorevole valuterò in piena autonomia».

Ore di attesa per il sindaco di Avezzano, Gabriele De Angelis, per la sentenza che deciderà le sorti dell’amministrazione comunale: «In caso di esito negativo – ha sottolineato il sindaco ai microfoni de Il Capoluogo.it – faremo le riflessioni del caso; certo è che il nostro Vangelo è il programma del mandato elettorale, quindi farò le valutazioni di merito in totale autonomia». La scelta, quindi, sarebbe tra le dimissioni o la ricerca di un difficile equilibrio in Consiglio.

Attività amministrativa e anatra zoppa, il sindaco: «Non ci siamo fatti influenzare».

Con la spada di Damocle di un Consiglio comunale con i numeri in bilico, il sindaco De Angelis ha assicurato che l’attività amministrativa non ne ha risentito: «Abbiamo lavorato intensamente per sette mesi anche deliberando appalti, tant’è che diversi cantieri apriranno nelle prossime settimane; dopo aver avuto un consenso così ampio da parte degli avezzanesi non potevamo permetterci di lasciare ferma la città».

X