IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Jano 7tet, sette grandi del Jazz per l’Abruzzo

Sette grandi del jazz della musica italiana si ritrovano intorno ad un progetto musicale: sabato 3 febbraio a Pescara in anteprima assoluta per l’Abruzzo lo Jano 7tet.

Il prossimo appuntamento dei “sabato in concerto jazz”, rassegna della Fondazione Pescarabuzzo, organizzata dall’associazione culturale Archivi Sonori, è un’anteprima assoluta per l’Abruzzo.
Sabato 3 febbraio a Pescara, alle ore 18 (Masion Des Arts, Corso Umberto 83, ingresso libero consentito dalle 17.30 fino ad esaurimento posti) ci sarà il live dello Jano 7tet, sette elementi, sette grandi protagonisti del jazz italiano, insieme per un live che è sintesi di un progetto discografico lungo otto anni.
Lo Jano 7tet è composto da  Emiliano D’Auria (Piano, Rhodes Elettronica), Alessia Martegiani (Voce), Gianluca Caporale (Sax, clarinetto), Mike Applebaum (Tromba, flicorno), Federico Pierantoni (Trombone), Maurizio Rolli (Basso elettrico), Alex Paolini (batteria, percussioni).

Sonorità elettroacustiche, rarefatte e visionarie, condurranno l’ascoltatore dentro uno spazio musicale fatto di melodie trascinanti ed eleganti, affidate alla splendida voce di Alessia Martegiani.

Tutta musica originale, composta da Emiliano D’Auria «Proporremo a Pescara, dove tra l’altro è la prima volta che suoniamo con questa formazione, una sintesi di quella che è la nostra avventura iniziata dal 2010 e che ha portato negli anni alla produzione di tre Cd, l’ultimo dei quali uscito a novembre dello scorso anno, dal titolo – the place between things.».
Come mai un nome così particolare per questo gruppo?
«Nulla di più semplice, Jano è il soprannome che mi accompagna sim da piccolo ed accompagna anche questo gruppo, partito come quartetto e poi evolutosi sia come componenti, sia in senso musicale e compositivo»
Se dovessi definire la vostra musica con tre termini, come la definiresti?
«Fresca, perché non è legata a nessun cliché particolare, elettroacustica, perché è sia acustica che elettronica, cinematica perché evoca sonorità vicine al mondo del cinema e contaminata perché ha molteplici anime; groove, progressive, funky , a tratti è anche un po’ psichedelica».
Il mix è dunque in grado di stupire. L’appuntamento è fissato per sabato 3 febbraio a Pescara (ore 18) con lo Jano 7tet.

X