IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

L’Aquila, c’era una volta il Chiassetto degli Ebrei

Giornata della Memoria, per non dimenticare le vittime dell’Olocausto. Il Capoluogo ricorda il Chiassetto degli Ebrei a L’Aquila.

C’era una volta Costa degli Ebrei, oppure Costa Cesare Campana, e in qualche modo c’è ancora questo pezzo di città che conserva la memoria degli ebrei a L’Aquila. Il 1393 ottennero il permesso di risiedere in città dove avrebbero cominciato a praticare la mercatura e le arti.

La strada stretta e in salita, da Porta Bazzano conduce fino al Chiassetto degli Ebrei. In questi vicoli resta la memoria di una storia più recente da raccontare.

Era il luglio del 2008 quando Cristina Moro e Donald Levine decisero di acquistare casa all’Aquila, prima che il terremoto la distruggesse. E’ stato amore a prima vista per il piccolo locale sulla via del Chiassetto degli Ebrei. Lei aquilana, originaria di Filetto, lui newyorkese di origini ebraiche decisero di comprare casa a poca distanza dalla loro abitazione principale che è a Roma. Per il signor Donald è stato come ritrovare le sue origini. Ebreo nel chiassetto degli ebrei. Tra il labirinto vicoli, subito dopo la Chiesa di San Flaviano, c’è questo pezzo di città, sconosciuto a molti dal punto di vista storico: qui visse una nutrita comunità ebraica dalla fine del ‘300. L’antica denominazione venne sostituita con Chiassetto della 1^ Pinciara.

chiassetto ebrei

Il 20 luglio 2016, esattamente 551 anni dopo che Ferdinando d’Aragona concesse agli Ebrei Aquilani uguali privilegi, la targa con l’antica denominazione è tornata per volere del gruppo di azione civica Jemo ‘nnanzi restituendo un pezzo di storia alla città. 

chiassetto ebrei

 

 

X