IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Perché dovrei andare a Campo Imperatore

Il titolo è di quelli che vogliono provocare l’immobilismo di questi mesi. Denunce continue su una montagna abbandonata e senza servizi: “Perché dovrei andare a Campo Imperatore?”

Siamo a fine gennaio e Campo Imperatore è una cartolina che fa solo sognare. La neve c’è, tanta e vera, nulla di artificiale, i mezzi sono a lavoro, così come gli operai della nuova seggiovia Fontari. Non ci sono gli appassionati con gli sci ai piedi, c’è ancora da attendere, forse febbraio sarà il mese decisivo per partire con la stagione ormai spezzata.

Campo Imperatore lo ammiriamo grazie ai video di chi non ha dimenticato questa montagna. Save Gran Sasso continua a fotografare la situazione, giorno dopo giorno. L’ultimo video (20 gennaio) di Luigi Faccia, direttore della Scuola Sci di Assergi, è diventato virale. Silenzio, neve e sole. Le piste piene di gente sono ancora una chimera, l’economia è congelata. “Tutta questa neve l’anno scorso non c’era e quest’anno avremmo potuto aprire a novembre” – commenta qualcuno.

La migliore delle ipotesi fissa il taglio del nastro dei nuovi impianti per il mese prossimo. Un duro colpo alla stagione che non ha nemmeno goduto dei potenziali incassi di Natale e Capodanno.

Ma ai lavori seguirà la fase del collaudo: occorre la messa in funzione dell’impianto a vuoto per una settimana.

La consegna del cantiere nello scorso luglio e le condizioni meteorologiche non favorevoli hanno rallentato i lavori nonostante gli operai della Leitner di Vipiteno e quelli della Toninelli Pietro di Bergamo abbiano lavorato senza sosta.
Oltre ad appendere gli sci al chiodo ancora per altre settimane, gli amanti di Campo Imperatore non potrebbero prendere nemmeno un caffè in alta quota. Lo fa notare Ada Fiordigigli che tra mille disagi lavora a Fonte Cerreto con la sua struttura ricettiva.
Qui il parcheggio, immenso, è completamente vuoto. Ce lo mostra Lella Antonacci, residente nel vicino progetto case, con un video.
Il Gran Sasso attende tempi migliori!

X