IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

La città di Arlecchino

di Fulgo Graziosi

Caro Sindaco,

apprendo con piacere che la nostra città vorrebbe candidarsi “capitale della cultura” nel prossimo futuro.

Indubbiamente, avrà bisogno di colmare tutti i requisiti negativi che portarono alla bocciatura nel recente passato.

Avrà, perciò, la necessità di rifarsi il trucco, non soltanto per l’estetica urbanistica, ma, anche e soprattutto, sotto il profilo squisitamente culturale. Per poter conquistare il diritto e il titolo di “Capitale della Cultura” occorreranno tempo, capacità professionale, investimenti economici, qualche prestigiosa iniziativa di carattere culturale di livello internazionale, la rivalutazione delle potenzialità artistiche e culturali attualmente in crisi e una bella, sostanziale e radicale ripulitura dell’ambiente cittadino e territoriale.

Ho notato, da diverso tempo, che molte anomalie, riscontrate nella gestione della città e del circondario, vengono ancora attribuite all’evento sismico del 2009. Attenuante comprensibile e plausibile  nella immediatezza dell’avvenimento e nei primi anni successivi.

A distanza di nove anni, però, non è più possibile attribuire al terremoto la mancanza di controllo del territorio. Mi riferisco, in particolare, alla dissennata e inqualificabile affissione di annunci pubblicitari, manifesti e poster, nei luoghi più disparati, con scarso rispetto degli spazi di affissione, previsti e ordinati nel piano comunale.

Fin quando si tratta di tappezzare con manifesti  le palizzate dei cantieri della ricostruzione in centro e in periferia, si può anche accettare il concetto. In ultima analisi non si arrecano danni permanenti all’ambiente cittadino, tenuto conto che le predette recinzioni saranno smontate al termine dei lavori.

I danni permanenti al decoro cittadino vengono arrecati dall’apposizione incontrollata dei manifesti e, in particolare, degli annunci di morte nei luoghi più disparati.

Non si salvano gli angoli dei fabbricati, i muri di contenimento delle strade, i pali in cemento della luce, le centraline telefoniche e neppure gli sportelli  dei contatori del gas, dell’acqua e dell’energia elettrica.

Ritengo che una città d’arte, un capoluogo proteso a conquistare spazi nei flussi turistici e culturali nazionali e internazionali possa continuare ad offrire ai visitatori deturpanti spettacoli del genere. L’emergenza è terminata da tempo e i cittadini vorrebbero che si tornasse alla normalità anche mediante la disciplina dell’affissione dei manifesti.

Appare quanto mai urgente ed opportuno che la cromatica tappezzeria che avvolge tutta la città e i dintorni venga rimossa, se non vogliamo che ci venga attribuito anche l’appellativo della “Città di Arlecchino”. Confido, con me confidano tutti i cittadini aquilani, che la “tappezzeria” possa essere rimossa al più presto.

 

X