IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Venite in Abruzzo, lo dice anche Forbes

In Abruzzo si vive bene e con pochi soldi: a decretarlo è Forbes, la prestigiosa rivista americana di economia e finanza.

E c’è di più. Da noi si sta meglio che in Toscana – straconosciuta oltreoceano – ma si spende di meno: quindi vale la pena “mollare tutto” e venire in Abruzzo.

Una pubblicità niente male per la nostra regione e decisamente potente a livello comunicativo: forse ancor di più rispetto a quelle istituzionali, vista l’ironia con cui è stata accolta la scelta da parte della Regione di Ron Moss – pluridivorziato nella serie Beautiful – come testimonial del matrimonio perfetto in Abruzzo.

[Sposatevi in Abruzzo, ve lo dice Ridge]

Dicevamo: Forbes ogni anno stila la classifica delle dieci città nelle quali vale la pena andare a vivere.

Fra queste, ci sono perle dei Caraibi, splendide città d’arte  e da quest’anno anche una città abruzzese: Città Sant’Angelo, a pochi km di Pescara.

L’Abruzzo ha tutto ciò che offre la Toscana e molto altro ad un costo minimo. A Città Sant’Angelo ci sono chiese storiche, un museo di arte contemporanea e anche un outlet che ricorda quelli della California del sud.

Il panorama è il pezzo forte della regione, per Laura Begley Bloom, giornalista che ha firmato l’articolo

Con la sua bella costa adriatica fiancheggiata da caffè sulla spiaggia, montagne per lo sci e vigneti ondulati, l’Abruzzo è un angolo di paradiso ed è il segreto meglio custodito d’Italia. È anche la regione più ricca di questa parte d’Italia ed è un luogo in cui piccole città storiche stanno lavorando duramente per attirare investimenti per salvare le loro strade storicamente significative ma quasi deserte.

E poi, vivere in Abruzzo, costa poco

Una coppia può vivere con 1400 dollari (circa 1200 euro) al mese o meno, incluso l’affitto

Un angolo di Paradiso, la nostra regione, che sta cercando di risollevarsi anche a livello mediatico dopo l’annus horribilis delle tragedie (da Rigopiano ai terremoti) appena trascorso.

X