IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Municipalizzate, in arrivo il nuovo regolamento

Scaduto l’atto di indirizzo dell’ex amministrazione Cialente sulle municipalizzate, il nuovo regolamento dovrà passare anche in Consiglio.

Il sindaco Biondi, alle prese con la nomina dei nuovi presidenti, prepara la nuova legge per la redazione di un nuovo atto di indirizzo: al vertice delle municipalizzate laureati o amministratori di comprovata esperienza.  Dibattito sulle municipalizzate in sordina per l’amministrazione comunale di L’Aquila, alle prese con la nuova legge e la scadenza dell’atto di indirizzo dell’ex amministrazione Cialente.

Le sei municipalizzate in attesa del nuovo Amministratore Unico

Sei le Spa, che attendono il nuovo amministratore: il Centro per Anziani ex Onpi, il Centro Turistico del Gran Sasso, l’Azienda per la Mobilità Ama (in procinto di convergere in TUA), il servizio di elaborazione dati Sed, l’azienda farmaceutica municipalizzata Afm e l’Asm, l’azienda servizi municipalizzati, che si occupa dell’immondizia. Secondo le nuove direttive, il nuovo regolamento dovrebbe passare al vaglio non solo della Giunta, ma anche del Consiglio comunale. Questo il passaggio più delicato, che la nuova amministrazione vuole affrontare in condizione di sicurezza, possibilmente senza lasciare scontenti sul campo. Forza Italia dovrebbe assicurarsi la presidenza dell’Asm, mentre l’Udc il Sed. A Fratelli d’Italia-An dovrebbe andare il Centro turistico del Gran Sasso e a Noi con Salvini l’Ama; a L’Aquila Futura l’Afm. Grosso punto interrogativo, infine, sulla gestione dell’ex Onpi.

Laurea sì o laurea no, il nodo irrisolto del nuovo regolamento. La mediazione di Biondi: laurea o comprovata esperienza.

Sul tavolo politico, a tenere banco rimane la questione dei requisiti per accedere alla presidenza delle spa. Requisiti al ribasso, potrebbero infatti mettere in imbarazzo NCS, da sempre fermo su posizioni intransigenti soprattutto per quanto riguarda i titoli. Una mediazione accettabile, potrebbe essere quella di prevedere la laurea o una comprovata esperienza amministrativa, così come sembra orientato il sindaco Pierluigi Biondi. Il confronto tra le forze politiche, però, nelle ultime settimane sembra essersi fermato, in attesa di equilibri che dovranno caratterizzare l’atto di indirizzo sul nuovo regolamento che, come detto, dovrà passare il doppio esame di Giunta e Consiglio comunale.

X