IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Provincia, ripristino viabilità area di Campotosto

Ripristino viabilità Alta Valle dell’Aterno: presentato all’ANAS il programma degli interventi.

Il Presidente della Provincia dell’Aquila Angelo Caruso, d’intesa con il settore viabilità e il consigliere delegato Pierluigi Del Signore, ha inviato all’ANAS, quale soggetto attuatore per il ripristino della viabilità, il programma degli interventi per il ripristino della viabilità di competenza della Provincia dell’Aquila per l’area dell’Alta Valle dell’Aterno.

Saranno incluse nel prossimo programma stralcio (IV) la S.P. n. 2 “di Campotosto”, la S.R. n. 577 “del Lago di Campotosto”, la S.R. 471 “di Leonessa”, la S.P. n. 105 “di Montecabbia”, la S.P. n. 30 “di Cascina”, la S.P. n. 3 “Umbra”  che a causa del sisma del 2016 hanno subito vari dissesti e, nel tempo, ulteriori degradi, come segnalato ai vari organi nel febbraio dello scorso anno.

Il rischio concreto è che tali fenomeni in atto potrebbero determinare l’isolamento delle comunità che vivono nell’area del lago di Campotosto, con gravi conseguenze per le popolazioni residenti, inoltre,  il settore viabilità, sta valutando  soluzioni tecniche per le criticità verificatesi nel corso dell’ultimo anno.

La Provincia dell’Aquila conferma, per quanto di propria competenza, il mandato all’ANAS di soggetto attuatore per l’esecuzione degli interventi e la richiesta di ricomprendere integralmente all’interno della prossima programmazione del IV stralcio tali arterie stradali.

«L’intento di questa amministrazione – fanno sapere dagli uffici provinciali – è quella di cercare, nelle competenze e possibilità operative, di coinvolgere le comunità, ascoltare le problematiche e trovare insieme le soluzioni percorribili e soprattutto condivise per il bene comune, in modo particolare in quei paesi dove i residenti vivono un momento di forte disagio, prima per gli eventi sismici e poi per la particolare posizione geografica di alta montagna».

X