IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Intecs, da Roma ancora una fumata nera

Intecs, al tavolo romano del Ministero il no dell’azienda alla revoca dei licenziamenti a fronte di ulteriori ammortizzatori sociali e alla disponibilità di mobilità dei ricercatori aquilani in altri siti. Rimane solo il tavolo di crisi permanente in Regione.

Per i ricercatori Intecs l’ultima speranza – puramente nominale, dopo i licenziamenti di Natale – rimane il tavolo di crisi permanente attivo in Regione Abruzzo, almeno per quanto riguarda ipotesi di ricollocamento, ma per l’azienda i giochi sono chiusi. A nulla è servito infatti nemmeno il tavolo convocato presso il Ministero dello Sviluppo Economico, con rappresentanti dei lavoratori, anche di altri siti, e della Regione Abruzzo.

Come ha riferito a Il Capoluogo la segretaria provinciale della CgilSimona De Sanctis, l’azienda è rimasta ferma sulle proprie posizioni: “Abbiamo chiesto se c’erano spazi per poter revocare i licenziamenti e attingere agli ammortizzatori sociali ancora disponibili. C’è stata anche un’offerta di supporto a questa operazione con la disponibilità di alcuni lavoratori a considerare trasferte su siti in cui loro dicono di avere ancora lavoro, ma l’azienda è rimasta ferma nelle sue decisioni, dichiarando di non avere fiducia nel territorio”.

Il caso dei licenziamenti fantasma. La Intecs: “Lettere inviate regolarmente il 22 dicembre”

Il 2 gennaio, come già riferito, diversi ricercatori si sono recati sul posto di lavoro, trovando i cancelli chiusi, pur non avendo ricevuto comunicazioni in merito: “L’azienda – prosegue la segretaria De Sanctis – ci ha spiegato che i licenziamenti sono partiti regolarmente il 22 dicembre, ma probabilmente a causa del sovraccarico natalizio le poste hanno effettuato le consegne in ritardo”. Un ritardo che, seppur per pochissimi lavoratori, perdura: “Però a questo punto si tratta davvero di poche unità, le lettere adesso sono quasi tutte arrivate”.

Il futuro del sito produttivo

Dopo i licenziamenti, rimane da capire che fine farà il sito produttivo: “Da quello che sappiamo, – conclude la segretaria Cgil – attualmente il capannone è affittato per attività che nulla hanno a che vedere con l’industria. Quello che sembra è che l’azienda stia facendo sul capannone un’operazione strettamente immobiliare, senza sfruttarlo a fini occupazionali”.

Questo il video di commiato dei lavoratori Intecs

X