IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Aumenti pedaggi, 70mila firme in pochi giorni

“70 mila firme non sono solo le adesioni dei cittadini ad una petizione popolare, ma rappresentano un forte dissenso nei confronti dell’ennesimo sopruso ai danni della popolazione”.

 Il Sindaco di Aielli Enzo Di Natale, promotore della petizione popolare per dire no, all’ennesimo ed ingiustificato aumento del pedaggio autostradale sulla A 24 e A 25, prosegue nella sua battaglia.

 “Qui non si tratta di una semplice lotta politica volta a farsi pubblicità”, spiega, “ al contrario è un azione volta a tutelare con i fatti i diritti dei cittadini. La politica, quella vera, deve fare la sua parte, stare al fianco della gente, farsi promotrice dei loro bisogni e soprattutto di tutelare i diritti di tutti”.

Il Primo cittadino di Aielli ricorda come, dal 2001, anno in cui è stata stipulata la convenzione con Autostrada dei Parchi, innumerevoli sono stati gli  aumenti. Un crescendo continuo dei costi per gli utenti che hanno valso, alle autostrade interne della Regione Abruzzo, il poco invidiabile record, che le vedono tra le più costose d’Italia.

 “E’ arrivato il momento di dire basta”

aggiunge il Sindaco di Aielli,

“Invito tutti ad organizzarsi, a muoversi dal basso, a leggersi la convenzione, studiarla e trovare un modo per annullarla. Un impegno che ci deve vedere tutti schierati in prima linea, aldilà dei colori politici, chi si candida per gestire la cosa pubblica non può permettere che avvengano tali cose, bisogna annullare un documento dannoso per i contribuenti.

E la politica nazionale non può limitarsi a rispondere che ha ragione il privato e che non si possa fare nulla.”

afferma il primo cittadino di Aielli, Enzo Di Natale.

Non è possibile, cioè, che dei cittadini, gli abruzzesi in particolare, ma anche coloro che abitano nelle aree interne, debbano sentirsi dire che ha ragione il privato. Qualcosa bisogna farlo: non possiamo assistere inermi all’aumento consistente dei pedaggi autostradali da qui al 2030.

O la revoca o la rinegoziazione: questo chiediamo con la petizione.

Qui il link della convenzione

Dell’aumento dei pedaggi autostradali se ne parlerà anche nella prossima seduta del Consiglio Provinciale dell’Aquila

I gruppi di maggioranza del Consiglio Provinciale dell’Aquila hanno infatti sottoscritto una proposta, da portare nel prossimo consiglio provinciale, contro gli aumenti dei pedaggi sulle autostrade A24 ed A25, decisi dal gestore Strada dei Parchi a decorrere dal 1.1.2018.
Nel punto il Presidente della Provincia, Angelo Caruso, sarà impegnato ad attivarsi urgentemente con il Presidente Regione Abruzzo ed il Governo , verificando nel contempo la possibilità di azioni legali a tutela, di intesa con i sindaci. affermando anche il principio di ricondurre la gestione A24 ed A25 alla conduzione pubblica, come era del resto sino al 2000 quando il governo allora presieduto da Giuliano Amato emanò il bando per la gestione ai privati, poi aggiudicata all’imprenditore Toto.

“E’ gravissimo ed ingiustificato tale aumento delle tariffe autostradali – afferma il consigliere provinciale Gianluca Alfonsi, presidente della commissione viabilità – che penalizza soprattutto la nostra provincia, come noto area interna montana e colpita da ben due eventi sismici, nel 2009 e 2016. A breve convocheremo la commissione viabilità, per determinarsi sulle azioni da assumere in seno al consiglio. Intendiamo coinvolgere in questa battaglia anche i sindaci, quali primi rappresentanti dei territori, e pertanto la nostra mozione verrà trasmessa a tutti i 108 comuni della provincia al fine di assumere atti analoghi a livello comunale”.

X