IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Dieta, dopo i bagordi di Natale per perdere peso

di Roberta Galeotti

Dieta post Natale: Panettone, torrone, cenoni, abbuffate… e in testa un unico pensiero fisso: il grasso che si accumula sui fianchi e lo sforzo che dovremo fare per bruciarlo via.

Basta un po’ di buona volontà ed una dieta equilibrata per tornare in forma al più presto.

La Dieta Chetogenica

Tre fasi: la prima prevede l’eliminazione completa di zuccheri e carboidrati e dura 12 giorni, molta verdura a foglia verde e tantissima acqua, quasi tre litri al giorno per eliminare i corpi chetonici.
La seconda reintegra qualche verdura in più e 70 grammi di formaggio una volta a settimana, dura 21 giorni.
La terza fase consente di aggiungere 40 grammi di carboidrati a pasto e dura 21 giorni.

La dieta Chetogenica è un regime alimentare molto difficile da rispettare, ma ha una caratteristica straordinaria, quella di dare uno choc al metabolismo e di rieducare il nostro corpo a bruciare zuccheri e carboidrati.
Passiamo dall’accumulo di grassi, all’utilizzo.

A metà mattina e a metà pomeriggio, infatti, si inseriscono tre compresse di aminoacidi essenziali Aminopharbes che hanno la caratteristica di essere sintetizzati facilmente e, contestualmente, nutrire i nostri muscoli.

L’importante perdita di peso, così, non avrà l’effetto di far appendere la pelle e di far sgonfiare i muscoli. Il nostro corpo è programmato per la salvaguardia delle funzioni vitali, così di fronte ad un minor apporto di zuccheri e carboidrati l’organismo per istinto brucerebbe i muscoli. La dieta chetogenica così pensata, invece, consente di riprogrammare l’organismo e di far sciogliere i grassi accumulati negli anni.

Perdere peso senza far appendere la pelle

La dieta chetogenica ha la caratteristica di far perdere centimetri di grasso nei punti strategici del corpo, sui fianchi, nelle cosce e nell’addome.

La prima fase della dieta, soprattutto nei primi due giorni, sconvolge il metabolismo e porta il nostro corpo a reagire con forte mal di testa, bocca secca e amara. Dal terzo giorno in poi, i corpi chetonici prodotti dalla sintesi del grasso sono in circolo e forniscono un senso di euforia, che aiuta a motivare e persistere nello sforzo della dieta.
La motivazione più grande, comunque, viene data dalla soddisfazione della bilancia che scende in modo molto significativo.

Tutte le diete fanno dimagrire, diminuendo il cibo e modificando il regime alimentare.
La dieta chetogenica, così pensata dal dottor Domenico Bellomo e dal suo staff tecnico, consente di aumentare il metabolismo basale e di assicurare un mantenimento del peso anche a fine dieta.

La rieducazione alimentare è molto importante anche per il soggetto che, in questi tre mesi di regime, riesce a comprendere il giusto quantitativo di alimenti da apportare nell’arco della giornata, soprattutto in termini di carboidrati.
Negli ultimi 50 anni, infatti, le abitudini si sono profondamente modificate verso una vita sedentaria ed una alimentazione basata su carboidrati e, soprattutto, zuccheri. Pane e pasta campeggiano sulle nostre tavole, creando problemi seri al nostro organismo, che invece avrebbe bisogno di molte più proteine.

Dieta Chetogenica come rimedio

 

*BitSalus, rubrica scientifica del Capoluogo, curata da Roberta Galeotti

Roberta Galeotti

X