IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Regione, sbloccati fondi per le disabilità

Regione, sbloccati fondi per il sostegno alla disabilità.

Lo ha annunciato l’assessore regionale alle Politiche Sociali, Marinella Sclocco, esponente di Liberi e Uguali, pubblicando i testi degli emendamenti presentati alla Giunta e approvati ieri sera per il sostegno alla disabilità.

I tre emendamenti presentati da Sclocco sulla disabilità prevedono:

200mila euro per scorrere la graduatoria dei progetti di Vita Indipendente 2017,

200mila euro da destinare ad un avviso per i Caregiver in età pediatrica,

360mila euro per i tre progetti Radar (Dopo di noi) attivi nel 2017 in Abruzzo

«Ringrazio la maggioranza, tutti i consiglieri presenti di tutti i gruppi consiliari per aver non solo votato gli emendamenti, ma per averli anche sottoscritti» ha annunciato l’assessore.

Con gli emendamenti presentati dalla Sclocco vengono apportate modifiche alla Legge Regionale del 26 aprile 1978 n. 21 “Istituzione del servizio per assistenza alla famiglia, all’infanzia, alla maternità e alla paternità responsabile” rispetto agli interventi per i Caregiver Minori, gli interventi per Vita indipendente e le misure a sostegno del progetto R.A.D.A.R. (Rete Abruzzesi per il Dopo di Noi e l’Autonomia Residenziale).

«A partire da oggi – ha fatto sapere ancora l’Assessore di Liberi e Uguali – gli uffici competenti stanno mettendo in atto tutti i provvedimenti per lo scorrimento della graduatoria degli aventi diritto per il fondo sulla legge Vita Indipendente e per l’assegnazione dei fondi ai progetti R.A.D.A.R.

Per i fondi ai Caregiver che assistono i malati in età pediatrica – conclude Sclocco – sarà direttamente il Dipartimento del Presidente ad occuparsi del bando e della successiva graduatoria».

Stupisce il fatto che nessuna domanda proveniente dal capoluogo sia stata presentata: fondi per la disabilità, ma gli aquilani paiono non essere coinvolti nelle domande per la Vita Indipendente.

“Negli anni passati lo scenario fu del tutto simile. Nessuna domanda dal capoluogo. Tra le 136 domande relative al 2017 si trovano 22 utenti della provincia aquilana (Celano, Avezzano, ecc.)” 

osserva Dario Verzulli, di Autismo Abruzzo Onlus

Criteri troppo restrittivi o scarsa conoscenza delle modalità di richiesta dei contributi? Un tema che merita di essere affrontato dall’attuale amministrazione comunale

X