IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Giù le mani dai Consultori!

La Regione Abruzzo progetta di tagliare i fondi ai Consultori Pubblici. L’Appello degli addetti ai lavori. Aprite un tavolo di confronto regionale.

Il Consiglio regionale nella Quinta Commissione Consiliare “Salute, Sicurezza Sociale, Cultura, Formazione Lavoro” è stata presentata la proposta di “Modifiche alla legge regionale 26 aprile 1978, n. 21 “Istituzione del servizio per l’assistenza alla famiglia, all’infanzia, alla maternità e alla paternità responsabili”, redatta senza alcun percorso di ascolto delle parti sociali e delle associazioni femminili e femministe del territorio regionale.

Si sottolinea l’inammissibilità della riduzione delle risorse destinate ai consultori pubblici a vantaggio delle strutture private, il cui personale è, talvolta, mancante dei requisiti tecnici e legali della Legge istitutiva dei consultori.

Il numero dei consultori pubblici è stato drasticamente ridotto negli ultimi anni.

«Le prestazioni di base non sono più assicurate alle donne: di fatto assistiamo a una diminuzione della possibilità di usufruire di un servizio pubblico di qualità che colpisce le fasce più deboli della popolazione e limita l’autodeterminazione delle donne» scrivono gli addetti ai lavori.
La CGIL ABRUZZO, la SPI CGIL ABRUZZO, l’UDI PESCARA, l’ASSOCIAZIONE DONNE TERREMUTATE L’AQUILA e l’ASSOCIAZIONE DONATELLA TELLINI L’AQUILA chiedono l’immediato ritiro della proposta di modifica e l’apertura immediata di un tavolo di confronto a livello regionale.

 

X