IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

#Nonunadimeno, il silenzio delle donne uccide foto

Oggi 1.400 donne alla Camera, Vittime, madri, poliziotte insieme contro il femminicidio.

«Le pari opportunità cominciano dalla tutela della libertà delle donne», ha detto la sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi. Banale, ma non scontato.

Oggi in tutto il mondo si celebra la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne (indetta dall’Onu nel 1999) e mai come quest’anno partecipata e sentita.

La presidente della Camera Laura Boldrini apre Montecitorio all’evento #Inquantodonna: 1400 invitate.

Vittime di stupro, violenza domestica e stalking. Ma anche madri di vittime uccise da uomini che invece avrebbero dovuto amarle; poi magistrate, dirigenti di polizia, studiose e giornaliste, autrici di teatro e tv. Saranno presenti – anche in diretta dalle 11 su Rai RadioUno – Serafina Strano (dottoressa della guardia medica di Trecastagni recente vittima di stupro), Maria Monteleone (capa pool antiviolenza di Roma), Emanuela De Vito (sopravvissuta al suo ex) e Maria Josè Falcicchia (dirigente della questura di Milano).

«Stop a questa mattanza. Basta femminicidi. Non accontentarsi, spendersi di più, non devono essere solo le donne a reagire», è l’appello della presidente della Camera alla presentazione del docufilm Sara (in onda questa sera su Realtime alle 21.10) sull’omicidio di Sara Di Pietrantonio nel maggio 2016 per mano di un ex geloso ora all’ergastolo. Una storia simbolo: l’uomo che recita «da padrone», secondo «una mentalità arcaica, primordiale, molto radicata e difficile da debellare». Eppure, «contro la violenza noi abbiamo bisogno degli uomini, dei non violenti, perché qui c’è troppa timidezza – insiste la terza carica dello Stato –. Gli uomini, quelli che amano le donne, gli uomini che vogliono bene alle figlie, alle mogli, alle sorelle, devono essere con noi. Fatevi avanti. Basta sottovalutare questo nodo».

Rabbia e passione si daranno appuntamento anche nel pomeriggio, a Piazza della Repubblica, per il corteo ‘Non una di meno’, manifestazione nazionale con sottotitolo da battaglia: il piano femminista contro la violenza sulle donne e tutte le violenze di genere. Un’emergenza che il capo della polizia, Franco Gabrielli, definisce «Crimine contro l’umanità».

Ottantaquattro gli omicidi di donne nei primi nove mesi del 2017, tre solo negli ultimi giorni.

Dati agghiaccianti: il 73% degli omicidi volontari avviene tra le mura di casa e nel 56% dei casi l’assassino è il partner o l’ex partner. Il piccolo calo di alcuni ‘reati spia’ (stalking e maltrattamenti) e viceversa la persistente abnormità di 3.000 violenze sessuali denunciate nei primi nove mesi del 2017 indicano «un rapporto uomo-donna malato che può pericolosamente degenerare». E Gabrielli chiede «prevenzione» per non arrivare «quando il male è già acuto e si manifesta». Il silenzio uccide, l’isolamento indebolisce. «Non sei sola!»

A L’Aquila iniziative nelle scuole: anche l’I.I.S. “Da Vinci Colecchi” sede “Da Vinci” ha celebrato la Giornata Internazionale contro la Violenza alle Donne.

L’istituto è impegnato da tempo nell’educazione al genere, in particolar modo con il progetto ministeriale “Noi con Voi” che, iniziato nell’anno scolastico 2016/2017, si concluderà a gennaio 2018.

X