IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Conciliare famiglia e lavoro, un aiuto dalla Regione

Agevolazioni dalla Regione per conciliare al meglio gli impegni e le responsabilità familiari con quelle derivanti dal lavoro.

Fanno parte della programmazione FSE 2014 – 2020 i fondi del nuovo bando regionale “Piani di conciliazione”, pubblicato oggi: consistono in contributi sotto forma di voucher in favore di donne occupate e disoccupate per l’acquisto di servizi di conciliazione da parte di strutture specializzate e progetti pilota di sviluppo e potenziamento del welfare aziendale.

Annunciato come imminente dall’assessore alle Politiche sociali Marinella Sclocco durante la manifestazione Punto a Capo, il bando ha una dotazione finanziaria di circa 1,8 milioni di euro e si pone l’obiettivo di conciliare le esigenze della donna impegnata in attività di assistenza all’interno del nucleo famigliare con le esigenze di lavoro.

“Molte volte – spiega l’assessore alle Politiche sociali Marinella Sclocco – sono queste condizioni che rappresentano un vero ostacolo al percorso lavorativo della donna. Il bando vuole creare le condizioni perché queste barriere possano essere rimosse e permettere in questo modo alle donne di entrare pienamente nel mercato del lavoro.”

Due sono gli interventi previsti dalla Regione:

  • uno diretto con l’erogazione di voucher necessari per acquistare servizi da strutture specializzate – che possono essere cooperative sociali sul territorio, associazioni, enti pubblici
  • l’altro che interviene sull’azienda, proponendo forme di welfare aziendale con progetti pilota in grado di venire incontro ai bisogni e alle necessità delle donne che lavorano in quell’azienda. Dalla flessibilità degli orari e dell’organizzazione del lavoro fino all’introduzione di servizi all’interno dell’azienda stessa, come asili nido ed altro.

Piani di conciliazione di fatto è il bando che apre la fase sociale della programmazione FSE.

Nei prossimi mesi è prevista l’uscita di almeno altri tre bandi di natura sociale.

“Si tratta, in particolare, di Abruzzo Carefamily, che si rivolge alle famiglie in difficoltà, di Agorà Abruzzo, che vuole promuovere centri finalizzati a combattere l’esclusione sociale, e di Combattere la violenza di genere, che prevede azioni concrete sul territorio per combattere a violenza di genere. I bandi del settore sociale hanno l’obiettivo – conclude l’assessore Marinella Sclocco – di dare risposte a persone e famiglie svantaggiate che si trovano a gestire situazioni di disagio”.

Come partecipare

Per partecipare al bando possono presentare domanda associazioni temporanee di scopo, sotto forma di Reti di conciliazione, nelle quali possono farvi parte associazioni datoriali e associazioni di lavoratori; Fondazioni; associazioni di promozione Sociale regolarmente iscritte all’apposito albo regionale; Cooperative sociali; associazioni o federazioni di Volontariato. La scadenza del bando è prevista per martedì 30 gennaio 2018. 

X